.
Annunci online

Ethos
l' Uomo in bianco e nero


Diario


13 marzo 2008

Rahhove

Una grande Croce per la nostra Chiesa prima della Pasqua” ha detto mons. Rabban al Qas, vescovo di Arbil, commentando la notizia ad AsiaNews.

[ click ]
 
Il vescovo caldeo di Mosul, Faraj Rahho, rinvenuto cadavere a seguito del rapimento subito il 29 febbraio scorso. Sulle violenze contro le chiese irachene polizia e esercito nazionale non hanno mai condotto indagini adeguate o trovato i responsabili, denuncia la popolazione.

Karl Rove: «L'Iraq sarà un posto migliore»

In un’intervista rilasciata nel novembre scorso ad "Asianews" monsignor Rahho aveva parlato di un rigurgito di violenza a Mosul [250 chilometri a nordovest di Baghdad] e denunciato «persecuzioni religiose sempre piu frequenti». In Iraq i cristiani sono poco meno di un milione, circa il 4 per cento della popolazione. I cattolici caldei sono la parte preponderante della comunità cristiana che comprende anche assiri, siriani, armeni e latini.

"Si deve ricordare che il sequestro del prelato avvenne alla fine di una vasta operazione di ‘pulizia’ della città compiuta dall’esercito americano. Ciò dimostra chiaramente che questo genere di metodi non costituisce una soluzione per pacificare il paese. Sottolineo il silenzio assordante degli americani dopo l’annuncio del rapimento”

Link map
asianews|karl rowe|faraj rahho|mosul|persecuzioni|misna


6 ottobre 2007

Rozzo east-wasp

« Non hai ancora risposto alla mia domanda, Ed.
A quale, Elaine?
Se oggi come oggi, senza un'occupazione, avessi la possibilità di scappare
con unmilionenovecentomila dollari, l'afferreresti? »

Il mio nome è Jackie Brown

Plainfield [USA]
- Alla fine li hanno arrestati. Dopo
6 mesi di assedio da parte della polizia e dell'Fbi Ed ed Elaine Brown, lui 64 anni lei 66, sono finiti in carcere. Dove resteranno per 5 anni e tre mesi. Colpevoli di non aver pagato le tasse su 1.900.000 dollari [circa 1.350.000 euro] di entrate non dichiarate al Fisco. Che non l'ha presa bene e ha chiesto e ottenuto nell'aprile scorso una condanna esemplare. Al momento di eseguire la sentenza però i coniugi Brown, lei una dentista lui un acchiappa-topi in pensione, si sono barricati in casa, armati e pronti ad uccidere chi tra le forze dell'ordine si fosse presentato alla loro porta. Per non rischiare una strage l'Fbi ha deciso da subito di non voler ricorrere alla forza. Facendo protrarre l'assedio per quasi sei mesi.

« Già, ma... anche Mr. Brown ricorda un po' il colore della merda »

Succede a Plainfield, un piccolo borgo di 2200 abitanti nel New Hampsire. Sgomento in Forza Italia: anche Georgino tradisce Silvio, nonostante tutto.

Umberto Bossi si reca personalmente sul White River per esportare lo sciopero fiscale nell'iper wasp, spocchioso e rozzo New Hampshire: munito di ampollona, con tanto di reliquia acquea del dio Po.


15 agosto 2007

Iraq will be in a better place [WSJ 13 VIII 07]

 
Karl Rove: «L'Iraq sarà un posto migliore»

Link all'intervista rilasciata da Karl Rove al WSJ: 'The Mark of Rove'.

[ clicca sull'immagine ]


È drammatico il bilancio dei 4 attentati suicidi che ha colpito la comunità yazida nel nord dell’Iraq : 175 morti e 200 feriti, secondo l’esercito iracheno [Baghdad 14 VIII 07].

Quattro kamikaze, ognuno a bordo di un’autocisterna, si sono fatti esplodere alle 8 di sera [ora locale] nei pressi della città di Qahataniya, 120 chilometri a ovest di Mosul. Negli attentati, secondo quanto riferito dalle autorità locali, sarebbero rimaste ferite 70 persone. Nessuno ha finora rivendicato gli attentati.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rove bush iraq usa presidenziali 2008 repubblicani

permalink | inviato da Ethos il 15/8/2007 alle 7:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


2 luglio 2007

« ll mio tesssoro! »

Il Previti dAmerica, Lewis Scooter Libby, già capogabinetto dell’uomo forte dell’Amministrazione Bush jr, il vicepresidente Death Cheney, l’ha fatta franca.

Graziato per uno dei reati più infamanti agli occhi dell’americano medio: l’attentato alla sicurezza nazionale, attraverso la rivelazione dell'identità di un'agente CIA sotto copertura:
Valerie Plame, moglie dell'ex ambasciatore Joe Wilson, che aveva criticato la guerra in Iraq denunciando la menzogna che ne aveva giustificato l’escalation. Il presunto traffico di uranio arricchito dal Niger al regime di Saddam Hussein. Avallata da Silvio Berlusconi e, ai tempi, accreditata dai servizi segreti italiani per mano di Niccolò Pollari. Ai tempi Silvio Berlusconi reggeva l’interim agli Esteri.

Si può ironizzare sul fatto che sia essa stessa, la
junta*, un attentato permanente alla sicurezza nazionale, americana ed occidentale più in generale. Ma una differenza c’è. Mr. President ci ha messo la faccia e non ha scassato il sistema penale federale per sottrarre alla detenzione l’ex capogabinetto del suo uomo nero. Si è limitato ad usare una prerogativa presidenziale. Pudore sconosciuto alla destra italiana. Cesare Previti, condannato per corruzione in atti giudiziari con sentenza definitiva, ancora oggi mantiene il seggio parlamentare.

*un’espressione di Gore Vidal, da Le menzogne dell’impero e altre tristi verità, Fazi Editore, novembre 2002, isbn 88-8112-377-0]


25 giugno 2007

Mr. Death Cheney

Ogni sera tutti i documenti, gli appunti e le minute del lavoro del giorno vengono raccolte e chiuse in una cassaforte Mosler, alta un metro e ottanta, e gli elenchi dei visitatori vengono distrutti. La sua agenda resta il più possibile riservata, si rifiuta di fornire i nomi dei componenti del suo staff e perfino il numero di persone che lavorano al suo servizio. Da quattro anni nega ogni informazione sui documenti riservati in transito per il suo ufficio e anzi ha proposto di chiudere l'organismo di controllo. Tutto deve avvenire nell'invisibilità, senza fare rumore.

Dick Cheney
è l'uomo che ha inventato la vicepresidenza imperiale. Un ruolo nuovo, che non ha precedenti, che sfugge ai controlli e coltiva l'ossessione per la segretezza e il fastidio per le burocrazie e i contrappesi.

Da anni si dibatte sul ruolo del presidente degli Stati Uniti, sui suoi poteri, sugli organismi di controllo, sui rapporti di forza con il Congresso. Arthur Schlesinger Jr, il grande storico da poco scomparso, impose il termine "Presidenza imperiale" con uno tra i suoi libri più famosi, in cui analizzava la crescita del potere della Casa Bianca dai tempi di Roosevelt fino al tonfo di Nixon, quando grazie allo scandalo Watergate il Congresso diede battaglia per limitare la libertà d'azione del presidente.

Perché non ci sorprende?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Death dick Cheney bush casa bianca

permalink | inviato da Ethos il 25/6/2007 alle 15:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


14 giugno 2007

Free Gaza

[ click ] 


La situazione è complicata, parecchio complicata. Ma uno degl’innumerevoli effetti indesiderati dell’esportazione coattiva della democrazia lo sconta, drammaticamente, il campo palestinese.
 
Abu Mazen aveva avvertito della inattendibilità di elezioni democratiche per l'assemblea legislativa in un’area, un fazzoletto di terra, in cui il metodo è sconosciuto se non alieno agli usi locali. In un momento di pessima fama dell’Amministrazione USA ed a ridosso della tuttora ingiustificata occupazione militare in Iraq. Con l’interesse di Iran e Siria, per una volta convergente, di tenere in scacco la diplomazia e l’esercito americano sconsideratamente catapultati nella palude irachena. Eppure si è voluto registrare “democraticamente” la protesta di un’ampia quota della popolazione palestinese, imponendo ad Abu Mazen una impossibile coabitazione con Hamas.
 

Due giorni prima delle elezioni politiche in Palestina, i mass media locali diffusero la notizia che gli USA avevano finanziato la campagna elettorale di Fatah, e molti elettori considerarono questa amicizia politica troppo egoista e contraddittoria.
 

Non che non si debba augurarsi una costituzionalizzazione di Hamas nel gioco democratico. Ma forse occorreva, occorrerebbe essere più attenti ai tempi ed ai modi con cui si esportano format che anche in Occidente sono molto affaticati. La coabitazione tra Jospin e Chirac non fu sanguinaria, non ce n’è bisogno in un paese europeo. Ma non fu meno cruenta di quella tra le diverse fazioni in lotta nel campo palestinese. E non subiva i condizionamenti esterni di paesi fratelli & coltelli.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. bush palestina road map hamas gaza abu mazen

permalink | inviato da Ethos il 14/6/2007 alle 13:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


11 giugno 2007

Ara Pacis


 ROMA, 9 VI 2007


Ara Pacis, ingabbiata nella luce da Richard Meyer



[ click all ]


9 giugno 2007

Una giornata particolare

Marzo 1938, ultimo giorno di Hitler a Roma: incontro di una casalinga spenta e frustrata con un gentile e fragile omosessuale perseguitato dal regime fascista. Una Loren neorealistica e un Mastroianni sottile come un ricamo in un film che rievoca lo squallore dei tempi fascisti alla luce delle idee attuali del femminismo e del fronte omosessuale.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. bush roma scola loren mastroianni

permalink | inviato da Ethos il 9/6/2007 alle 22:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


8 giugno 2007

Concatenazioni

 
B
        U

   

   G
               I
                    E



[
clicca sulle lettere
]


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Berlusconi bush prodi speciale petroni brogli palermo

permalink | inviato da Ethos il 8/6/2007 alle 16:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


26 marzo 2007

Le anime dell'Iran di fronte ai piani d'attacco Usa

di Amir Madani
Megachip
, in attesa di pubblicazione sul prossimo numero del mensile "Aprile"

[clicca per ingrandire l'immagine e leggere tutto]

Iran ethnic groups


Il solito mr. Death Cheney1

1
- Per capire le proporzioni e le misure basti fare un confronto tra il Pil Usa, che è di 12.000 Miliardi di $, mentre quello iraniano è 200 miliardi di $. Di fronte a una spesa militare Usa che supera 500 miliardi di $, quella iraniana ammonta a 10 miliardi.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Iran Usa Bush Cheney

permalink | inviato da il 26/3/2007 alle 1:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio        aprile
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
La domanda seconda
L'Uomo in bianco e nero
Salviamo la Costituzione
Finis Terrae
Via
Dialoghi
Politica
13 maggio
Ferrara watch
Il Sindaco del borgo di Hamelin
Il male oscuro
punto.doc
apatatalessa
Apologhi
Posta piccola
La notte della Repubblica
Fine Arts Blog Museums
Vita activa
Un viaggio elettorale
moleskine
Strange days
Fileîs-me? [Gv 21,17]
Maryâm
GU Adinolfi '07
Lectures
Facebook
Il biscotto
Obamerica
Appunti sparsi
Twitter

VAI A VEDERE

Gnu
Blogroll
Wikipedia
Liber liber
Ora esatta
Nessuno Tv
Luogo comune
Connected intelligence
Il blog di Beppe Grillo
Creative commons
Internet filmtrick
Jacques Derrida
Donnie Darko
Submission
Discinto
Cinemage
Sentieri selvaggi
The Cremaster Cycle
Redattore sociale
Indymedia
Rainews24
Mondi vicini
Wittgenstein
Luca De Biase
Rassegna stampa
Il barbiere della sera
Ambigram Gallery
Per l'Infanzia. Vietato Chiudere Gli Occhi
Cattedra dei non credenti
Yadvashem memorial
Il Pifferaio di Hamelin
Linguaggi ipermediali
Arsenale della Pace
Don Tonino Bello
Bambini soldato
Teladipenelope
Club di Roma
Marco Guzzi
Aldo Moro
Teresina
Ecoblog
Anila
Babel
TV
PPP
Brio
Worth
Twitch
Fallujah
Can Xue
Cina oggi
Mauro Biani
Diario acido
Diário gráfico
Questo amore
Astor Piazzolla
Canzoni & poesie
Ebraismo minimo
Francesco Giavazzi
Par-condicio monitor
EC Editorial Cartoons
Economia di Comunione
Music Genome Project
Economics E-journal
I numeri di BIP®™
E quelli di LUI®™
In Video Veritas
Elezioninews.it
BIP®™ pride
Dummies
Nuovoeutile
Googlenterprise
Crowdsourcing
Caffe' Europa
Peacereporter
Spaceandculture
Formazione politica
Monastero di Bose
NIM magazine
PD University
Webroadcast
Time Zone Converter
In-nova 24


Il profilo di Giuseppe Nenna
Profilo Facebook di Giuseppe Nenna
  

In fondo è semplice decifrare BIP®™:
basta capovolgere il senso delle parole
comunicate in pubblico,
per comprendere i suoi obiettivi privati


War is peace
La guerra è pace

Freedom is slavery
La libertà è schiavitù

Ignorance is strenght
L'ignoranza è forza



Use OpenOffice.org




La société du spectacle par Guy E. Debord


Secondo la definizione di Leonardo Boff, in Ethos mondiale

EGA 2000 ISBN 88-7670-394-2, €11,36:

Per ethos intendiamo l’insieme delle aspirazioni, dei valori e dei principi, che orienteranno le relazioni umane nei confronti della natura, della società, delle alterità, di se stessi e del senso trascendente dell’esistenza, Dio.



Si vis pacem para pacem

 

Questo blog è gemellato con Devarim [in ebraico Devarim sono le parole, o le cose].
La lettera ebraica che abbiamo insieme scelto per illustrare questo spazio in comune è bet
,la stessa che dà inizio al libro di Bereshit,in principio, il primo dei cinque che compongono la Torah [corrispondente al nostro libro della Genesi].



Ascolta radiofulmini

E fa zapping con Tv [spenta] med vridbar skärm, Luma, 1959 digitaladoptive


I blogleanno:

15 marzo 2005 | 15 marzo 2006


Il BIP®™ countdown è scaduto

Al 10 aprile 2006, ore 15:00, mancavano:
giorni
ore
minuti
secondi

Countdown memories   

- 14 y Del fisco me ne infischio [i numeri veri]

- 13 y Rottamazione [in]costituzionale [christians]

- 12 y Verso il Partito Democratico [di m. cacciari]

-  11 y La sconfitta [nella palude mediorientale]

- 10 y Impoverimento [la tassa occulta]

- 9 y Quote rosa [non è un pesce d’aprile]

- 8 y Mai, mai, mai! [Totus tuus ego sum Maria]

- 7 y Punta Perotti [lo spartiacque]

6 y sso ccontento…! [il ri-epilogo]

- 5 y Favole greche e leggende metropolitane [ici]

4 y Anche i ricchi piangono [o dei rovesci]

3 y Un giudice  [Fabrizio De Andrè, amico fragile]

- 2 y Per interesse  [contro il declino]

-  1 y La nomination [BIP® brother] 

0 y  L'identità mediale degli italiani [BIP® exit]


Questo blog aderiva alla campagna
"Salviamo la Costituzione. Aggiornarla non demolirla".

Contro la sottrazione di democrazia tentata dal governo dei pre-potenti.



Infopoint

La posta in gioco

Si sceglieva tra 2 modelli*:

il sistema che accoglie l'individuo,
non privo di limiti;

l'individualismo che rigetta la relazione
tra gli individui, la nega ideologicamente,
privilegiando la soluzione asociale.

Io scelgo e voto per una società che
sa trarre forza dagli individui
per costruire il sistema e lo scudo,
anche per i più deboli
, gli ultimi,
i meno muniti e più sprovveduti,
che non possono rimanere ostaggi,
in balia dei rapporti di forza
economici o politici;
e non delega la salvezza all'uomo, della provvidenza



banditore [ in un film già visto ].

*ma l'Unione non lo aveva capito.






[ charis community ]

FENICOTTERO SNODATO Un'esemplare di fenicottero rosa si accarezza compiaciuto il collo allo zoo di Francoforte in Germania (Frank May /Epa)

CERCA