.
Annunci online

Ethos
l' Uomo in bianco e nero


Diario


3 gennaio 2009

I had a dream

[ click | Photo taken on 03 November 2007 of South African apartheid activist Helen Suzman posing during an interview with AFP in her home in Johannesburg. Suzman, who for years was the sole white lawmaker opposed to minority rule, died on January 1, 2009 at the age of 91 ]

Helen Suzman addresses a rally in the 1970s

Helen Suzman, attivista sudafricana anti-apartheid, è deceduta il 1’ gennaio a 91 anni.

Sua figlia Francesca Jowell ha riferito che è morta serenamente a casa, a Johannesburg. La famiglia propenderebbe per un funerale privato, nel fine settimana, seguito da un memoriale pubblico nel mese di febbraio. È  certo che Nelson Mandela, che è attualmente in Mozambico, vi parteciperà.

Helen Suzman ha avuto un posto speciale nella storia del Sudafrica, essendo generalmente riconosciuta come la più efficace parlamentare combattente contro l'apartheid [all'epoca i negri non erano rappresentati nell'assise razzista sudafricana, ndr]. Per 13 anni - dal 1961 al 1974 - è stata l'unica rappresentante in Parlamento del Partito Liberale Progressista, precursore del Partito Democratico.

Desmond Tutu stesso definì il Sudafrica "rainbow nation", nazione arcobaleno, lanciando il sogno di una terra molto più varia e ricca e colorata di un semplice ribaltamento di potere fra il bianco e il nero. Miriam Makeba era e rimane la voce di quel sogno. Se c'è un conforto nella sua tragedia si può dire che non è morta lontano. Ma è morta vicina, vicina alla sua gente, tra gli africani della diaspora arrivati qui a migliaia e che hanno reso propri questi luoghi, lavorandoci, vivendoci, dormendo insieme, sopravvivendo nelle case abbandonate nel Villaggio Coppola, costruendoci dentro una loro realtà che viene chiamata Soweto d'Italia

Link map: helen|afp|raimbow nation|nelson|i have a dream|makeba|watershed


7 novembre 2008

Welcome in Obama World

[ click | Le politiche per l’ambiente e quelle sulla finanza globale - che tale rimarrà, e sarebbe anacronistico così non fosse - ne evidenzieranno il profilo fortissimamente riformatore e multilaterale, per riesumare un aggettivo d'antan ]
 
E’ fuori dalla concezione di un utilizzatore abituale dei social media l’idea dell’autoreferenzialità e dell’autosufficienza

Barack Hussein Obama, age 47, USA Next President

Link map
: la mia
previsione|diretta
|radici|a more perfect union


5 novembre 2008

How this happened | Com'è accaduto


Giuseppe --

I'm about to head to Grant Park to talk to everyone gathered there, but I wanted to write to you first.

We just made history.

And I don't want you to forget how we did it.

You made history every single day during this campaign -- every day you knocked on doors, made a donation, or talked to your family, friends, and neighbors about why you believe it's time for change.

I want to thank all of you who gave your time, talent, and passion to this campaign.

We have a lot of work to do to get our country back on track, and I'll be in touch soon about what comes next.

But I want to be very clear about one thing...

All of this happened because of you.

Thank you,

Barack


[ click al testo del discorso di accettazione al Grant Park, pubblicato dal NYT | il post riproduce la mail inviata alla community dei sostenitori da Barack Obama, prima di prendere la parola a Chicago - nell'orario di ricezione indicato dalla mia mailbox ]

"Obama is Plugged In to the Nation" for lack of a better title. Anyone know what this piece is called? and the artist?

Obama is Plugged in to the Nation - Obama è collegato alla Nazione - è un graffito realizzato da uno sconosciuto writer - graffitaro - tra West e Near West Side, a Chicago.


Giuseppe --

Sono quasi a Grant Park a parlare a tutti quanti sono riuniti lì, ma ho voluto scrivere innanzitutto a te.

Abbiamo appena fatto la storia.

E non voglio dimenticare come l’abbiamo fatta.

Tu hai fatto la storia ogni singolo giorno durante questa campagna - ogni giorno che hai bussato ad ogni porta, che hai fatto una donazione, o parlato ai tuoi familiari, amici, vicini di casa, spiegando perché tu hai creduto fosse giunto il momento di cambiare.

Voglio ringraziare ciascuno, quanti hanno donato il proprio tempo, e talento e passione a questa campagna.

Abbiamo molto lavoro da fare per rimettere il nostro paese sulla strada giusta, e presto toccherò con mano quanto il futuro prossimo ha preparato.

Ma voglio essere molto chiaro su una cosa ...

Tutto questo è accaduto perché lo hai voluto.

Grazie,

Barack


Link mapsocial media lab|grant park speech|speaking to u.s.|mid term


5 novembre 2008

The Politico




27 marzo 2008

I'm A Man


Meet Thomas Beatie. He was born biologically female, had sex reassignment surgery, and is now legally male. When his wife, Nancy, was unable to have children, Thomas, who still has female genitalia, decided he’d carry their baby himself. And thus became the world’s first pregnant man. A process which, unsurprisingly, hasn’t been too easy:

Our situation sparks legal, political, and social unknowns. We have only begun experiencing opposition from people who are upset by our situation. Doctors have discriminated against us, turning us away due to their religious beliefs. Health care professionals have refused to call me by a male pronoun or recognize Nancy as my wife. Receptionists have laughed at us. Friends and family have been unsupportive; most of Nancy’s family doesn’t even know I’m transgender.

La nostra situazione solleva incognite legali, politiche e sociali - conclude - abbiamo da poco conosciuto la contrarietà di persone sconvolte dalla nostra situazione. I medici ci discriminano, allontanandoci per via delle loro fedi religiose. Professionisti della Sanità si rifiutano di rivolgersi a me in quanto uomo o di riconoscere Nancy come mia moglie. Amici e familiari non sono di alcun sostegno; gran parte della famiglia di Nancy non sa neanche che sono un transessuale.

« Sono un transessuale - scrive lo stesso Beatie in un articolo pubblicato dalla rivista gay "The Advocate" - legalmente un maschio, sposato legalmente a Nancy. Gli interventi di cambiamento del sesso non richiedono la sterilizzazione, per questo decisi di sottopormi alla ricostruzione del seno e alla terapia di testosterone, ma di tutelare i miei diritti riproduttivi. Volere avere un figlio naturale non è un desiderio nè maschile nè femminile, ma umano. Ho sempre voluto avere dei bambini. Tuttavia, a causa di una grave endometriosi avuta 20 anni fa, Nancy ha subito un intervento di isterectomia e oggi non può portare in grembo un bambino ».

Link map: macho|thomas beatie|transgender|unknowns|the advocate

sfoglia     dicembre        febbraio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
La domanda seconda
L'Uomo in bianco e nero
Salviamo la Costituzione
Finis Terrae
Via
Dialoghi
Politica
13 maggio
Ferrara watch
Il Sindaco del borgo di Hamelin
Il male oscuro
punto.doc
apatatalessa
Apologhi
Posta piccola
La notte della Repubblica
Fine Arts Blog Museums
Vita activa
Un viaggio elettorale
moleskine
Strange days
Fileîs-me? [Gv 21,17]
Maryâm
GU Adinolfi '07
Lectures
Facebook
Il biscotto
Obamerica
Appunti sparsi
Twitter

VAI A VEDERE

Gnu
Blogroll
Wikipedia
Liber liber
Ora esatta
Nessuno Tv
Luogo comune
Connected intelligence
Il blog di Beppe Grillo
Creative commons
Internet filmtrick
Jacques Derrida
Donnie Darko
Submission
Discinto
Cinemage
Sentieri selvaggi
The Cremaster Cycle
Redattore sociale
Indymedia
Rainews24
Mondi vicini
Wittgenstein
Luca De Biase
Rassegna stampa
Il barbiere della sera
Ambigram Gallery
Per l'Infanzia. Vietato Chiudere Gli Occhi
Cattedra dei non credenti
Yadvashem memorial
Il Pifferaio di Hamelin
Linguaggi ipermediali
Arsenale della Pace
Don Tonino Bello
Bambini soldato
Teladipenelope
Club di Roma
Marco Guzzi
Aldo Moro
Teresina
Ecoblog
Anila
Babel
TV
PPP
Brio
Worth
Twitch
Fallujah
Can Xue
Cina oggi
Mauro Biani
Diario acido
Diário gráfico
Questo amore
Astor Piazzolla
Canzoni & poesie
Ebraismo minimo
Francesco Giavazzi
Par-condicio monitor
EC Editorial Cartoons
Economia di Comunione
Music Genome Project
Economics E-journal
I numeri di BIP®™
E quelli di LUI®™
In Video Veritas
Elezioninews.it
BIP®™ pride
Dummies
Nuovoeutile
Googlenterprise
Crowdsourcing
Caffe' Europa
Peacereporter
Spaceandculture
Formazione politica
Monastero di Bose
NIM magazine
PD University
Webroadcast
Time Zone Converter
In-nova 24


Il profilo di Giuseppe Nenna
Profilo Facebook di Giuseppe Nenna
  

In fondo è semplice decifrare BIP®™:
basta capovolgere il senso delle parole
comunicate in pubblico,
per comprendere i suoi obiettivi privati


War is peace
La guerra è pace

Freedom is slavery
La libertà è schiavitù

Ignorance is strenght
L'ignoranza è forza



Use OpenOffice.org




La société du spectacle par Guy E. Debord


Secondo la definizione di Leonardo Boff, in Ethos mondiale

EGA 2000 ISBN 88-7670-394-2, €11,36:

Per ethos intendiamo l’insieme delle aspirazioni, dei valori e dei principi, che orienteranno le relazioni umane nei confronti della natura, della società, delle alterità, di se stessi e del senso trascendente dell’esistenza, Dio.



Si vis pacem para pacem

 

Questo blog è gemellato con Devarim [in ebraico Devarim sono le parole, o le cose].
La lettera ebraica che abbiamo insieme scelto per illustrare questo spazio in comune è bet
,la stessa che dà inizio al libro di Bereshit,in principio, il primo dei cinque che compongono la Torah [corrispondente al nostro libro della Genesi].



Ascolta radiofulmini

E fa zapping con Tv [spenta] med vridbar skärm, Luma, 1959 digitaladoptive


I blogleanno:

15 marzo 2005 | 15 marzo 2006


Il BIP®™ countdown è scaduto

Al 10 aprile 2006, ore 15:00, mancavano:
giorni
ore
minuti
secondi

Countdown memories   

- 14 y Del fisco me ne infischio [i numeri veri]

- 13 y Rottamazione [in]costituzionale [christians]

- 12 y Verso il Partito Democratico [di m. cacciari]

-  11 y La sconfitta [nella palude mediorientale]

- 10 y Impoverimento [la tassa occulta]

- 9 y Quote rosa [non è un pesce d’aprile]

- 8 y Mai, mai, mai! [Totus tuus ego sum Maria]

- 7 y Punta Perotti [lo spartiacque]

6 y sso ccontento…! [il ri-epilogo]

- 5 y Favole greche e leggende metropolitane [ici]

4 y Anche i ricchi piangono [o dei rovesci]

3 y Un giudice  [Fabrizio De Andrè, amico fragile]

- 2 y Per interesse  [contro il declino]

-  1 y La nomination [BIP® brother] 

0 y  L'identità mediale degli italiani [BIP® exit]


Questo blog aderiva alla campagna
"Salviamo la Costituzione. Aggiornarla non demolirla".

Contro la sottrazione di democrazia tentata dal governo dei pre-potenti.



Infopoint

La posta in gioco

Si sceglieva tra 2 modelli*:

il sistema che accoglie l'individuo,
non privo di limiti;

l'individualismo che rigetta la relazione
tra gli individui, la nega ideologicamente,
privilegiando la soluzione asociale.

Io scelgo e voto per una società che
sa trarre forza dagli individui
per costruire il sistema e lo scudo,
anche per i più deboli
, gli ultimi,
i meno muniti e più sprovveduti,
che non possono rimanere ostaggi,
in balia dei rapporti di forza
economici o politici;
e non delega la salvezza all'uomo, della provvidenza



banditore [ in un film già visto ].

*ma l'Unione non lo aveva capito.






[ charis community ]

FENICOTTERO SNODATO Un'esemplare di fenicottero rosa si accarezza compiaciuto il collo allo zoo di Francoforte in Germania (Frank May /Epa)

CERCA