.
Annunci online

Ethos
l' Uomo in bianco e nero


Diario


3 ottobre 2009

Shabbat shalom

Ditaubi, Associazione per il servizio di formazione all'impegno civile e politico ispirata all'opera di don Tonino Bello, aderisce alla manifestazione per la libertà d’informazione promossa dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana che si svolgerà a Roma oggi 3 ottobre, in Piazza del Popolo, con inizio alle 15:30.

L'atteggiamento del premier Silvio Berlusconi, la sua arrogante e spregiudicata insofferenza nell'uso dei media - di cui dispone direttamente in quanto proprietario ed indirettamente in quanto capo del Governo, con pervasiva influenza sulla gestione della disinformazione ufficiale -, la concezione di un'informazione servile e che distorce a suo esclusivo beneficio la realtà narrata dalla televisione pubblica e privata, rende necessario un incondizionato appoggio a quella parte della stampa che non intenda genuflettersi al guinzaglio di un potere assoluto, ormai privo di alcun freno inibitorio ed allergico a qualunque forma di controllo: istituzionale o dalla libera informazione.
 
L'attacco sistematico alle pochissime trasmissioni giornalistiche che non recano l'impronta della propaganda senile del settantatreenne presidente del consiglio pro tempore, è oltremodo intollerabile. Non è richiesto condividerne ogni tesi ma, in democrazia, è proibito all'Esecutivo sottoporne i contenuti a pesantissime interferenze ed intimidazioni, all'unico scopo di addomesticarle, ponendole nella condizione di non disturbare il manovratore e non turbare le illusorie certezze dell'informazione prostituita, escort dell'unica propaganda politica tollerata. Pena la cancellazione dalla programmazione ed ogni altra forma di ostacolo alla libera azione nell'accertamento giornalistico di fonti e fatti.
 
Lo stesso uso improprio della parola gossip intende trasformare - annacquandole - vicende ed atteggiamenti ordinari del premier, accadute in casa propria e confermate da registrazioni non smentibili. Occultando notizie inoppugnabili per confondere l'opinione pubblica italiana, e distoglierla dal degrado personale in cui versa la vita del più opaco, visibile e potente uomo pubblico italiano. Difensore tra i più esposti del fondamento valoriale cattolico associato alla parola famiglia.
 
Mai tuttavia beneficiata di interventi od attenzioni paragonabili a quelli usualmente disposti a favore delle proprie aziende ed a difesa della propria posizione processuale, in relazione a vicende criminali mai chiarite e sempre ostacolate nel distorto uso delle leggi e dei provvedimenti, approvati nel corso dell'attività realmente e continuativamente promossa dai governi da lui presieduti.

Link map: shabbat|gossip|feltrusconismo|ditaubi


15 settembre 2009

Dal paese delle meraviglie

[ click | ”Mi citi una trasmissione Rai a favore del governo della mia maggioranza, da Report a Ballarò, Annozero, i programmi comici di Rai3 in seconda serata, sono tutte trasmissioni contro la mia parte politica e molto spesso contro di me, ha detto il premier al palafreniere di porta a porta, Bruno Vespa, il giorno dell’editto di Onna e della cancellazione di tutta la controprogrammazione raiset : o mangi questa minestra o ti butti dalla finestra, digitale ]

Videoreportage nelle casette in legno di Onna

La casa di Biancaneve per tuta la vita - fornita dal presidente della Provincia di Trento, Lorenzo Dellai, con tecnologia grossier assimilabile all'esperienza di casaclima -. Ad Onna. E, porta a porta, una casa di fiaba per tutti gli italiani, anche i cattivi nemici della verità, della pravda.

Vespa e il direttore generale della Rai Mauro Masi hanno fatto fare un passo indietro all'informazione tv, l'hanno riportata ai tempi del pensiero e del canale unico. La tv dell'obbligo. Dopo quello scolastico, è stato ripristinato l'obbligo televisivo. Non è tv di regime (c'era anche Piero Sansonetti), ma un brutto modo di fare tv. Il fatto è che i tempi mediatici sono cambiati e sull'episodio è sceso anche un velo comico.

nani non erano sullo sfondo. Non si scorge alcuna Aquila.


Link map: castità verbale|onna|dellai|snow white|pravda|raiset|odio senza classe 


28 marzo 2009

B2B

15 anni di berlusconismo sistematico. In realtà affermatosi dalla rottura del I Governo Prodi, nel 1998.

Dal 2001 meno di 2 anni concessi al II Governo Prodi, ed egemonia elettorale e di agenda alla destra. Per quasi 7 su
poco più di 8 anni titolare di maggioranze parlamentari schiaccianti [mai concesse a Romano Prodi].

L’Italia è migliore?
Si è in natalità o in denatalità?
Il clima sociale è più o meno civile?
Il razzismo è dilagato o è stato contenuto?
I diritti individuali sono più o meno tutelati?
Il potere d’acquisto reale delle famiglie è cresciuto o è verticalmente caduto?

La competitività italiana è aumentata o diminuita?
Lo Stato si espande – male – o si ridimensiona – bene - ?
La forbice tra oligarchie e classe media si è allargata o ristretta?
Ha ancora senso parlare di classe media?
Sono in atto processi d’impoverimento collettivo o di crescita e riassestamento di sistema?
La mobilità sociale è bloccata o efficace?
La tutela dell’istruzione come leva sociale è un valore o è sotto attacco?
La lotta alle mafie progredisce o è all’impasse?
Quanto pesa l’economia criminale sull’economia reale?
L’Italia si riforma o è in una spirale di controriforma?
L’uscita dalla crisi globale è al centro delle politiche governative?
Si punta su tecnologie ad alto valore di intelligenza o su settori di retroguardia ed inquinanti?
La net neutrality [che garantisce la libera circolazione delle idee e dei contenuti in internet e genera nuovi modelli di economia della conoscenza] è osteggiata o promossa?
L’eguaglianza delle chance, che ha permesso negli USA a Barack Obama di scalare la piramide sociale, è tutelata o sotto attacco?
La qualità della democrazia è più o è meno sostanziale?

Silvio Berlusconi è uno statista o un capopopolo?

Silvio Berlusconi arringa gli ospiti invitati alla I convention nazionale Pubblitalia PDL

click | B2B è l’acronimo di Business To Business, ma potrebbe tranquillamente essere traslitterato in Berlusconi 2 Berlusconi, da Berlusconi a Berlusconi. Cosa è cambiato nel paese in questi 15 anni vissuti pericolosamente, dalla discesa in campo del 26 gennaio ’94 ad oggi? In 21 domande, cui ognuno è libero di rispondere come vuole, un tentativo di analisi: la XXII le sintetizza tutte, ovvero conferisce un indice sintetico al bilancio che ciascuno ne rinviene ]

Link map: il corpo|il prezzo|il linguaggio


31 ottobre 2008

Parodia d'un rottame


Finto quasi quanto l’originale.


Link map
: imposizione indiretta|cambia canale|exclusive clubs|tv[b] spazzatura


11 maggio 2008

Travagghiari

 

L’Italia è l’unico paese occidentale in cui si contesta un giornalista per le notizie che diffonde e non perché quelle informazioni risultino false.

Link map: ved-rai|chiarelettere|travagliare|schifati


2 maggio 2008

Il triangolo no, non l'avevo considerato

Cari amici,

come vi accennavo Petruccioli mi ha scritto indignato per il mio intervento da Santoro su Biagi. E' il primo segnale che arriva dalla rai dal 2003 quando soppressero Raiot. In attesa di essere autorizzata a pubblicare la sua sul blog (noi siamo personcine corrette) vi faccio leggere la mia risposta. Un grande abbraccio a tutti sempre. Sta mattina vado a vedere la conf stampa della presentazione dei giovani del PD.

Sabina Guzzanti


"Per la mia funzione e personalmente faccio ammenda e prendo impegno, nell'ambito delle mie responsabilità, a fare tutto il possibile per impedire che qualcosa del genere possa ripetersi''. Queste le prime parole del presidente della Rai. ''Ieri sera - prosegue - Michele Santoro ha di nuovo messo il servizio pubblico radiotelevisivo a disposizione di Beppe Grillo; il quale ha rivolto insulti inconcepibili al Presidente della Repubblica, oltreché a una personalità universalmente stimata come il professor Umberto Veronesi''.

Conseguenza: ''Il danno, l'umiliazione e la vergogna che vengono al servizio pubblico da questi episodi sono incalcolabili", visto "l'appalto, di fatto, della tv pubblica a terzi [che si riferisca a Mediaset? nda] che ne fanno un uso arbitrario e indecente. Chi è responsabile di un programma non lo è solo per quanto dice personalmente, ma per tutto quel che avviene, non ci sono zone franche''.


Link map
: guzzanti|annozero|raiset in morte di karol wojtyla|zero in condotta


15 marzo 2008

Reality news tv audition casting

«Questa ragazza ha avuto più buonsenso e sense of humour dell'intera sinistra e dei media che hanno montato una tempesta in un bicchier d'acqua» ha detto Silvio Berlusconi.

Non una perla di saggezza la news montata dal TG2 sulla discutibile precarietà di Perla Pavoncello. Militante di AN ed artefice di un casting da reality show, impaginato come notizia dalla solita rete unica RAISET. 15 minuti di celebrità già evaporati nello spettacolare integrato; minuziosamente descritto da Guy Debord dal lontano 1967 e poi precisato nei Commentari alla società dello spettacolo [1988].

Che richiama quanto ancora l’irrisolto, irrisolvibile abuso di posizione dominante dell’azienda fuorilegge
Mediaset sia fattore di inquinamento aggravato e continuato sia della polemica politica, che della formazione dell’opinione elettorale tra le ampie fasce di popolazione sedentaria, indifferente e demotivata alla comprensione delle dinamiche politiche italiane.

Oltre che cassaforte elettorale del qualunquismo impotente nazionale. Quello, per intenderci, che chiede più sicurezza e contemporaneamente disarma la legislazione penale, impedendo fin dalle norme la certezza della pena salvo lisciare, regolarmente, ipocritamente, lo spirito di corpo delle forze di pubblica sicurezza. Bolzaneto compresa.

Terrorismo
: La democrazia spettacolare non intende essere giudicata in base ai propri meriti ma in base ai propri nemici. "La storia del terrorismo è scritta dallo stato. Quindi è educativa". La democrazia, in quanto spettacolare integrato, ha bisogno del terrorismo, dando luogo così ad una perfezione fragile, che deve essere preservata, garantendo l'immutabilità delle scelte governative.

Link map
perla|andy warhol|société du spectacle|europa 7|identità mediale|bolzaneto|e-lettrista


11 ottobre 2007

Wi-not?

«Grazie al Wi-Max avremo più banda larga e ridurremo, così, il divario digitale ancora esistente in molte Regioni italiane». Lo ha detto il ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni, presentando a Roma la procedura di assegnazione dei diritti d'uso delle frequenze «Wi-Max» [Worldwide interoperability for Microwave Access], nella banda 3.4-3.6 Ghz [banda 3.5 Ghz]. Il bando di gara sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea entro la fine della prossima settimana.

La tecnologia Wi-Max, spiega Gentiloni, è un sistema di radiocomunicazioni che consente di offrire all'utente servizi di accesso a larga banda alle reti, tramite collegamenti via radio fra una singola stazione base localizzata in una posizione fissa e determinata e un numero di stazioni utente collegate alla stazione base, consentendo, in tal modo, di portare la banda larga in aree dove è difficile realizzare collegamenti internet via cavo.

Il Wi-Max, in Europa, prosegue il ministro, sfrutta la banda 3.5 Ghz, ora utilizzabile anche nel nostro Paese, grazie all'accordo tra il ministero delle Comunicazioni e quello della Difesa che ha liberato questa banda di frequenza dall'utilizzo militare, rendendola disponibile a quello di tipo civile. Per Gentiloni, l'utilizzo delle frequenze Wi-Max contribuirà in modo decisivo alla riduzione del digital divide, tramite connessioni ad alta velocità alle reti di telecomunicazioni [fino a 74 Mbit/s], in un raggio di circa 50 chilometri dal singolo punto di propagazione, rispetto alle poche decine di metri della tecnologia WiFi.

Nel dettaglio, la procedura scelta dal ministero delle Comunicazioni prevede che siano rilasciati 3 diritti d'uso [licenze] complessivi delle frequenze disponibili nella banda 3.4-3.6 Ghz, ciascuno di ampiezza pari a 2 x 21 Mhz. Due di queste licenze saranno assegnate per 7 macro aree, per un totale quindi di 14, mentre una licenza sarà rilasciata su base regionale, per un totale di ventuno. «In tal modo - spiega Gentiloni - potranno partecipare alla gara anche imprese di dimensioni territoriali», che auspica che comunque tra tutti gli operatori aggiudicatari ci siano «forme di cooperazione virtuose».

Le licenze avranno una durata di 15 anni a partire dal rilascio, sono rinnovabili e non possono essere cedute a terzi senza la preventiva autorizzazione ministeriale. Il prezzo complessivo posto a base d'asta per le 35 licenze è pari a 45 milioni di euro. «Un prezzo - commenta Gentiloni - comparabile con gli altri europei, Francia e Germania, specialmente, dove l'assegnazione di licenze Wi-Max ha portato nelle casse dei Paesi, rispettivamente, 100 milioni di euro e 60 milioni di euro».

La gara si svolgerà tramite miglioramenti competitivi [rilanci] e l'aggiudicatario è tenuto a garantire una significativa copertura territoriale specialmente nelle aree a digital divide. La copertura territoriale è calcolata a punti: 30 dei 60 punti totali da raggiungere per vincere la gara devono essere realizzati installando impianti Wi-Max nei comuni a digital divide totale.

Perchè non è stato fatto prima? La risposta cliccando qui


15 giugno 2007

Genova per noi

Solo chi volle essere cieco decise di non vedere. Ad un mese dall’insediamento la destra che aveva stravinto in seggi, ma non in voti, le elezioni del 2001 volle presentarsi. Denti digrignanti e mascella serrata. Scelse, scelse, la prova di forza. Al suo esordio internazionale, ministro degli esteri Renato Ruggiero, già ambasciatore designato da Gianni Agnelli, pochi mesi prima della sua destituzione ad opera del premier, che ne assumerà l’interim partecipando attivamente alla preparazione della guerra irachena. Come passacarte dell’amico George. W.

Ma a cosa serviva una prova di forza dopo una schiacciante vittoria parlamentare?

Il peggiore fu
Gianfranco Fini, vicepresidente del consiglio senza portafoglio. La destra più ingenua ci mise la faccia e fomentò la reazione della peggiore feccia fascista che bazzicava la polizia di stato. Incapace di agire e forse complice dei black block che, segnalati dall’Interpol, non vennero fermati alle frontiere. Pur avendo il ministro dell’interno dell’epoca, il ligure Claudio Scajola, sospeso l’efficacia del trattato di Schengen [che autorizza la libera circolazione delle persone, senza controlli frontalieri, ai cittadini degli stati europei contraenti].

Ricordo una conversazione che precedeva di una settimana circa il G8
di Genova, con un amico che qualcuno tra i frequentatori di questo luogo ha avuto modo di conoscere di persona. Gli dissi, testualmente: “Stanno artificialmente caricando di tensione l’avvenimento. Succederà che un ragazzo del servizio d’ordine, inesperto, alle prime armi, sotto la pressione della piazza farà qualche cazzata, e c’è il rischio che ci scappi pure il morto. Ma forse lo stanno cercando il morto”. I veleni, manco a dirlo, erano massicciamente inoculati dalla rete unica RAISET.

Quel ragazzo ha un nome ed un volto, si chiama
Mario Placanica. La vittima, anche di un proprio eccesso di resistenza, si chiamava Carlo Giuliani. L’uno è vivo e sacrificato alla vigliaccheria di stato. L’altro è morto, vittima anche della propria incapacità di lettura della situazione sul campo. E della rozza ferocia di un governo cha aveva subito deciso di mostrare di che pasta fosse fatto, pieno di piduisti, inquisiti e nostalgici fuori tempo massimo.

Il resto è noto da anni. «
Genova nome per nome», di Carlo Gubitosa, editrice Berti, ISBN 88-88424-67-9, luglio 2003, dettaglia la macelleria messicana alla Diaz. Testimonianze dirette raccolte da ciascuno abbia voluto chiedere a chi era ritornato da Genova, più o meno incolume, col carico di paura, foto e filmati raccolti sul posto. Che hanno inchiodato gli esecutori materiali di ordini dal basso [alto sarebbe un affronto alla logica], dalla fogna di un governo da parodia cilena dellAmbra Jovinelli.

Di
Vincenzo Canterini si parla alle pagine 40, 177, 295, 310, 325, 335, 357, 362, 378, 395, 420. Di Michelangelo Fournier a pagina 344.



[ click ]

sfoglia     settembre        novembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
La domanda seconda
L'Uomo in bianco e nero
Salviamo la Costituzione
Finis Terrae
Via
Dialoghi
Politica
13 maggio
Ferrara watch
Il Sindaco del borgo di Hamelin
Il male oscuro
punto.doc
apatatalessa
Apologhi
Posta piccola
La notte della Repubblica
Fine Arts Blog Museums
Vita activa
Un viaggio elettorale
moleskine
Strange days
Fileîs-me? [Gv 21,17]
Maryâm
GU Adinolfi '07
Lectures
Facebook
Il biscotto
Obamerica
Appunti sparsi
Twitter

VAI A VEDERE

Gnu
Blogroll
Wikipedia
Liber liber
Ora esatta
Nessuno Tv
Luogo comune
Connected intelligence
Il blog di Beppe Grillo
Creative commons
Internet filmtrick
Jacques Derrida
Donnie Darko
Submission
Discinto
Cinemage
Sentieri selvaggi
The Cremaster Cycle
Redattore sociale
Indymedia
Rainews24
Mondi vicini
Wittgenstein
Luca De Biase
Rassegna stampa
Il barbiere della sera
Ambigram Gallery
Per l'Infanzia. Vietato Chiudere Gli Occhi
Cattedra dei non credenti
Yadvashem memorial
Il Pifferaio di Hamelin
Linguaggi ipermediali
Arsenale della Pace
Don Tonino Bello
Bambini soldato
Teladipenelope
Club di Roma
Marco Guzzi
Aldo Moro
Teresina
Ecoblog
Anila
Babel
TV
PPP
Brio
Worth
Twitch
Fallujah
Can Xue
Cina oggi
Mauro Biani
Diario acido
Diário gráfico
Questo amore
Astor Piazzolla
Canzoni & poesie
Ebraismo minimo
Francesco Giavazzi
Par-condicio monitor
EC Editorial Cartoons
Economia di Comunione
Music Genome Project
Economics E-journal
I numeri di BIP®™
E quelli di LUI®™
In Video Veritas
Elezioninews.it
BIP®™ pride
Dummies
Nuovoeutile
Googlenterprise
Crowdsourcing
Caffe' Europa
Peacereporter
Spaceandculture
Formazione politica
Monastero di Bose
NIM magazine
PD University
Webroadcast
Time Zone Converter
In-nova 24


Il profilo di Giuseppe Nenna
Profilo Facebook di Giuseppe Nenna
  

In fondo è semplice decifrare BIP®™:
basta capovolgere il senso delle parole
comunicate in pubblico,
per comprendere i suoi obiettivi privati


War is peace
La guerra è pace

Freedom is slavery
La libertà è schiavitù

Ignorance is strenght
L'ignoranza è forza



Use OpenOffice.org




La société du spectacle par Guy E. Debord


Secondo la definizione di Leonardo Boff, in Ethos mondiale

EGA 2000 ISBN 88-7670-394-2, €11,36:

Per ethos intendiamo l’insieme delle aspirazioni, dei valori e dei principi, che orienteranno le relazioni umane nei confronti della natura, della società, delle alterità, di se stessi e del senso trascendente dell’esistenza, Dio.



Si vis pacem para pacem

 

Questo blog è gemellato con Devarim [in ebraico Devarim sono le parole, o le cose].
La lettera ebraica che abbiamo insieme scelto per illustrare questo spazio in comune è bet
,la stessa che dà inizio al libro di Bereshit,in principio, il primo dei cinque che compongono la Torah [corrispondente al nostro libro della Genesi].



Ascolta radiofulmini

E fa zapping con Tv [spenta] med vridbar skärm, Luma, 1959 digitaladoptive


I blogleanno:

15 marzo 2005 | 15 marzo 2006


Il BIP®™ countdown è scaduto

Al 10 aprile 2006, ore 15:00, mancavano:
giorni
ore
minuti
secondi

Countdown memories   

- 14 y Del fisco me ne infischio [i numeri veri]

- 13 y Rottamazione [in]costituzionale [christians]

- 12 y Verso il Partito Democratico [di m. cacciari]

-  11 y La sconfitta [nella palude mediorientale]

- 10 y Impoverimento [la tassa occulta]

- 9 y Quote rosa [non è un pesce d’aprile]

- 8 y Mai, mai, mai! [Totus tuus ego sum Maria]

- 7 y Punta Perotti [lo spartiacque]

6 y sso ccontento…! [il ri-epilogo]

- 5 y Favole greche e leggende metropolitane [ici]

4 y Anche i ricchi piangono [o dei rovesci]

3 y Un giudice  [Fabrizio De Andrè, amico fragile]

- 2 y Per interesse  [contro il declino]

-  1 y La nomination [BIP® brother] 

0 y  L'identità mediale degli italiani [BIP® exit]


Questo blog aderiva alla campagna
"Salviamo la Costituzione. Aggiornarla non demolirla".

Contro la sottrazione di democrazia tentata dal governo dei pre-potenti.



Infopoint

La posta in gioco

Si sceglieva tra 2 modelli*:

il sistema che accoglie l'individuo,
non privo di limiti;

l'individualismo che rigetta la relazione
tra gli individui, la nega ideologicamente,
privilegiando la soluzione asociale.

Io scelgo e voto per una società che
sa trarre forza dagli individui
per costruire il sistema e lo scudo,
anche per i più deboli
, gli ultimi,
i meno muniti e più sprovveduti,
che non possono rimanere ostaggi,
in balia dei rapporti di forza
economici o politici;
e non delega la salvezza all'uomo, della provvidenza



banditore [ in un film già visto ].

*ma l'Unione non lo aveva capito.






[ charis community ]

FENICOTTERO SNODATO Un'esemplare di fenicottero rosa si accarezza compiaciuto il collo allo zoo di Francoforte in Germania (Frank May /Epa)

CERCA