.
Annunci online

Ethos
l' Uomo in bianco e nero


Diario


11 maggio 2009

Se voi foste persone normali

[ click | Il popolo dello yiddish è stato un capolavoro di umanità: senza confini, senza frontiere, senza eserciti, senza burocrazie, senza deliri nazionalisti. Un popolo con la sua patria portatile, la Torah, che sapeva vivere a cavallo dei confini, fra cielo e terra, tenendo per mano l’ineffabile Dio del monoteismo come un compagno di giochi, rispettandone la maestà ma denunciandone contemporaneamente la correità nei mali del mondo ]

Della lectio magistralis «L’altro e il suo ingombro», declamarta il 22 ottobre 2007 da Moni Ovadia all’Università di Pavia.

Se foste un rom, quella di Matteo Salvini non vi apparirebbe come la sortita delirante di un imbecille da ridicolizzare.

Se foste un musulmano, o un africano, o comunque un uomo dalla pelle scura, il pacchetto sicurezza non lo prendereste solo come l’ennesima sortita di un governo populista e conservatore, eccessiva ma tutto sommato veniale.

Se foste un lavoratore che guadagna il pane per sé e per i suoi figli su un’impalcatura, l’annacquamento delle leggi sulla sicurezza nei luoghi di lavoro non lo dimentichereste il giorno dopo per occuparvi di altro.

Se foste migrante, il rinvio verso la condanna a morte, la fame o la schiavitù, non provocherebbe solo il sussulto di un’indignazione passeggera.

Se foste ebreo sul serio, un politico xenofobo, razzista e malvagio fino alla ferocia non vi sembrerebbe qualcuno da lusingare solo perché si dichiara amico di Israele.

Se foste un politico che ritiene il proprio impegno un servizio ai cittadini, fareste un’opposizione senza quartiere ad un governo autoritario, xenofobo, razzista, vigliacco e malvagio.

Se foste un uomo di sinistra, di qualsiasi sinistra, non vi balocchereste con questioni di lana caprina od orgogli identitari di natura narcisistica e vi dedichereste anima e corpo a combattere le ingiustizie.

Se foste veri cristiani, rifiutereste di vedere rappresentati i valori della famiglia da notori puttanieri pluridivorziati ingozzati e corrotti dalla peggior ipocrisia.

Se foste italiani decenti, rifiutereste di vedere il vostro bel paese avvitarsi intorno al priapismo mentale impotente di un omino ridicolo gasato da un ego ipertrofico.

Se foste padri, madri, nonne e nonni che hanno cura per la vita dei loro figli e nipoti, non vendereste il loro futuro in cambio dei trenta denari di promesse virtuali.

Se foste esseri umani degni di questo nome, avreste vergogna di tutto questo schifo.

Moni Ovadia 

Link map: corpo di reato|vangelo secondo matteo


8 novembre 2008

Mutt, un incrocio di razze

Non attribuisce alcuna importanza, Silvio Berlusconi, al fatto che Obama abbia parlato con alcuni leader europei prima di farlo con lui: «Non ho ancora avuto il tempo di cercarlo, ho avuto molti impegni internazionali, ieri a Mosca, oggi qui, ma tutta questa è una storia ridicola, di solito mi si dà dell'americano con il k*, ora invece mi si imputa una mancata telefonata».

*
Dai nemici mi guardo io, dagli amici mi guardi Iddio.

[ click | Il futuro presidente che sa prendersi in giro - sè stesso, non gli altri -, promette di regalare alle bambine un cagnolino senza pedigree, un mutt, un incrocio di razze, come sono io, sdrammatizzando con una parola sola tutta la retorica debordante del nero alla Casa Bianca. E ricordarci, sorridendo, che tutti, al mondo, siamo mutt, incroci di razze diverse, come lui ]

Per un'intera giornata tiene banco l'attesa della telefonata con Obama. In Italia l'opposizione attribuisce il ritardo all'aggettivo speso e rivendicato dal capo del governo, quell'«Obama abbronzato» che ha fatto il giro del mondo e suscitato tante polemiche. Poi, dieci di sera ora italiana, c'è finalmente il contatto diretto fra il Cavaliere e il nuovo inquilino della Casa Bianca.

Con l’uomo negro alla casa bianca, subito gli straordinari per Forattini.

Il coordinamento dei comitati di redazione della Poligrafici editoriale [Quotidiano Nazionale, il Resto del Carlino, La Nazione, Il Giorno] ha espresso in una nota «fermo e totale dissenso nei confronti della vignetta pubblicata dai giornali del Gruppo a firma Giorgio Forattini e dedicata alla elezione di Barack Obama. La satira è un'espressione di democrazia e di libertà quando non infrange i principi di civiltà e il rispetto dei diritti - ha ricordato il Coordinamento -. Ciò, in questa occasione, purtroppo non è stato, travalicando quei limiti che ogni giornale, quale sia la sua posizione politica, dovrebbe rispettare».

Ma perché questa feccia è così spaventata dall’uomo negro?

Link map: arriva l'uomo nero|bar sport berlusconi|bar sport gasparri


7 novembre 2008

Welcome in Obama World

[ click | Le politiche per l’ambiente e quelle sulla finanza globale - che tale rimarrà, e sarebbe anacronistico così non fosse - ne evidenzieranno il profilo fortissimamente riformatore e multilaterale, per riesumare un aggettivo d'antan ]
 
E’ fuori dalla concezione di un utilizzatore abituale dei social media l’idea dell’autoreferenzialità e dell’autosufficienza

Barack Hussein Obama, age 47, USA Next President

Link map
: la mia
previsione|diretta
|radici|a more perfect union


5 novembre 2008

How this happened | Com'è accaduto


Giuseppe --

I'm about to head to Grant Park to talk to everyone gathered there, but I wanted to write to you first.

We just made history.

And I don't want you to forget how we did it.

You made history every single day during this campaign -- every day you knocked on doors, made a donation, or talked to your family, friends, and neighbors about why you believe it's time for change.

I want to thank all of you who gave your time, talent, and passion to this campaign.

We have a lot of work to do to get our country back on track, and I'll be in touch soon about what comes next.

But I want to be very clear about one thing...

All of this happened because of you.

Thank you,

Barack


[ click al testo del discorso di accettazione al Grant Park, pubblicato dal NYT | il post riproduce la mail inviata alla community dei sostenitori da Barack Obama, prima di prendere la parola a Chicago - nell'orario di ricezione indicato dalla mia mailbox ]

"Obama is Plugged In to the Nation" for lack of a better title. Anyone know what this piece is called? and the artist?

Obama is Plugged in to the Nation - Obama è collegato alla Nazione - è un graffito realizzato da uno sconosciuto writer - graffitaro - tra West e Near West Side, a Chicago.


Giuseppe --

Sono quasi a Grant Park a parlare a tutti quanti sono riuniti lì, ma ho voluto scrivere innanzitutto a te.

Abbiamo appena fatto la storia.

E non voglio dimenticare come l’abbiamo fatta.

Tu hai fatto la storia ogni singolo giorno durante questa campagna - ogni giorno che hai bussato ad ogni porta, che hai fatto una donazione, o parlato ai tuoi familiari, amici, vicini di casa, spiegando perché tu hai creduto fosse giunto il momento di cambiare.

Voglio ringraziare ciascuno, quanti hanno donato il proprio tempo, e talento e passione a questa campagna.

Abbiamo molto lavoro da fare per rimettere il nostro paese sulla strada giusta, e presto toccherò con mano quanto il futuro prossimo ha preparato.

Ma voglio essere molto chiaro su una cosa ...

Tutto questo è accaduto perché lo hai voluto.

Grazie,

Barack


Link mapsocial media lab|grant park speech|speaking to u.s.|mid term


5 novembre 2008

The Politico




5 novembre 2008

Arriva l'uomo nero


FUTURO NERO? MA VA', scrive il razzista Vittorio Feltri

[ Barack Hussein Obama, clicca sulle immagini ]

MA SE VINCE BARACK SARANNO GUAI, scrive sulla prima de "Il Giornale" Maria Giovanna Maglie

Tutta la rabbia della feccia del giornalismo italiano per la sola ipotesi di vittoria del nero meticcio e bastardo, Barack Hussein Obama. Che ne consegnerà all’oblio l’irrilevanza che si riserva ai maggiordomi infedeli*.

*vale anche per i conservatori a vocazione minoritaria, o di sinistra.

Link map: vittorio feltri|maria giovanna maglie|gaetano quagliariello|i mandarini|a more perfect union


4 novembre 2008

Rosa bianca

[ click | Obama's grandmother dies after battle with cancer: white caucasian unintentional Rosa Parks ]

Both Madelyn and Stanley Dunham descend from European ancestors, mostly from England, who settled in the American colonies in the 17th and 18th centuries

Madelyn Lee Payne Dunham, age 86, grandmother

Il simbolo trascende l’ora:
una generazione si congeda al termine della buona battaglia. 
Un’altra si appresta a sciogliere le vele [ 2Tim 4, 7 - 8 ].

Link map
lacrime|ascendenze|rosa|a more perfect union|san paolo|family tree


3 febbraio 2008

Rosa Rosae

Rosa Parks, il 1dicembre 1955, avviò a Montgomery in Alabama la protesta contro il segregazionismo sugli autobus. Per non avere ceduto il suo posto a un passeggero bianco, nonostante l'intimazione dell'autista, la Parks venne arrestata.

Il suo gesto innescò un boicottaggio durato 381 giorni, che è considerato l'atto d'avvio del moderno movimento per i diritti civili, che, all'inizio degli Anni Sessanta, sfociò nel varo del Civil Rights Act. La questione giuridica sollevata dal rifiuto della Parks, legata alla costituzionalità e alla liceità o meno della segregazione, condusse a una sentenza della Corte Suprema che impose l'integrazione del sistema dei trasporti.

Rosa Parks, che ruppe simbolicamente la segregazione razziale negli USA degi anni '50

[ clicca sulle immagini ]

La signora Rosa Bossi Berlusconi è deceduta nella sua casa di Milano poco prima delle ore 13

« Per lui dico tre rosari al giorno », affermava un anno fa Rosa Bossi in occasione della festa sul lago di Como per il suo novantaseiesimo compleanno, con decine di invitati.

Gli Azzaretto erano - con i Rasini - i diretti superiori di suo padre Luigi, signor Berlusconi. Gli Azzaretto di Misilmeri davano ordini a suo padre, signor Berlusconi, che per molti anni fu loro procuratore, il primo procuratore della Banca Rasini. Certo non le vengo a chiedere con quali capitali - e di chi - Giuseppe Azzaretto riusci' ad affiancarsi nel 1955 ai potenti Rasini di Milano, tenuto conto che Misilmeri e' tutt'oggi una tragica periferia della peggiore Palermo, pero' che a lei Misilmeri possa risultare del tutto sconosciuta, mi appare inverosimile.

Link mapdativo|rosa parks|rosa bossi|rosario|per mamma rosa

sfoglia     aprile        giugno
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
La domanda seconda
L'Uomo in bianco e nero
Salviamo la Costituzione
Finis Terrae
Via
Dialoghi
Politica
13 maggio
Ferrara watch
Il Sindaco del borgo di Hamelin
Il male oscuro
punto.doc
apatatalessa
Apologhi
Posta piccola
La notte della Repubblica
Fine Arts Blog Museums
Vita activa
Un viaggio elettorale
moleskine
Strange days
Fileîs-me? [Gv 21,17]
Maryâm
GU Adinolfi '07
Lectures
Facebook
Il biscotto
Obamerica
Appunti sparsi
Twitter

VAI A VEDERE

Gnu
Blogroll
Wikipedia
Liber liber
Ora esatta
Nessuno Tv
Luogo comune
Connected intelligence
Il blog di Beppe Grillo
Creative commons
Internet filmtrick
Jacques Derrida
Donnie Darko
Submission
Discinto
Cinemage
Sentieri selvaggi
The Cremaster Cycle
Redattore sociale
Indymedia
Rainews24
Mondi vicini
Wittgenstein
Luca De Biase
Rassegna stampa
Il barbiere della sera
Ambigram Gallery
Per l'Infanzia. Vietato Chiudere Gli Occhi
Cattedra dei non credenti
Yadvashem memorial
Il Pifferaio di Hamelin
Linguaggi ipermediali
Arsenale della Pace
Don Tonino Bello
Bambini soldato
Teladipenelope
Club di Roma
Marco Guzzi
Aldo Moro
Teresina
Ecoblog
Anila
Babel
TV
PPP
Brio
Worth
Twitch
Fallujah
Can Xue
Cina oggi
Mauro Biani
Diario acido
Diário gráfico
Questo amore
Astor Piazzolla
Canzoni & poesie
Ebraismo minimo
Francesco Giavazzi
Par-condicio monitor
EC Editorial Cartoons
Economia di Comunione
Music Genome Project
Economics E-journal
I numeri di BIP®™
E quelli di LUI®™
In Video Veritas
Elezioninews.it
BIP®™ pride
Dummies
Nuovoeutile
Googlenterprise
Crowdsourcing
Caffe' Europa
Peacereporter
Spaceandculture
Formazione politica
Monastero di Bose
NIM magazine
PD University
Webroadcast
Time Zone Converter
In-nova 24


Il profilo di Giuseppe Nenna
Profilo Facebook di Giuseppe Nenna
  

In fondo è semplice decifrare BIP®™:
basta capovolgere il senso delle parole
comunicate in pubblico,
per comprendere i suoi obiettivi privati


War is peace
La guerra è pace

Freedom is slavery
La libertà è schiavitù

Ignorance is strenght
L'ignoranza è forza



Use OpenOffice.org




La société du spectacle par Guy E. Debord


Secondo la definizione di Leonardo Boff, in Ethos mondiale

EGA 2000 ISBN 88-7670-394-2, €11,36:

Per ethos intendiamo l’insieme delle aspirazioni, dei valori e dei principi, che orienteranno le relazioni umane nei confronti della natura, della società, delle alterità, di se stessi e del senso trascendente dell’esistenza, Dio.



Si vis pacem para pacem

 

Questo blog è gemellato con Devarim [in ebraico Devarim sono le parole, o le cose].
La lettera ebraica che abbiamo insieme scelto per illustrare questo spazio in comune è bet
,la stessa che dà inizio al libro di Bereshit,in principio, il primo dei cinque che compongono la Torah [corrispondente al nostro libro della Genesi].



Ascolta radiofulmini

E fa zapping con Tv [spenta] med vridbar skärm, Luma, 1959 digitaladoptive


I blogleanno:

15 marzo 2005 | 15 marzo 2006


Il BIP®™ countdown è scaduto

Al 10 aprile 2006, ore 15:00, mancavano:
giorni
ore
minuti
secondi

Countdown memories   

- 14 y Del fisco me ne infischio [i numeri veri]

- 13 y Rottamazione [in]costituzionale [christians]

- 12 y Verso il Partito Democratico [di m. cacciari]

-  11 y La sconfitta [nella palude mediorientale]

- 10 y Impoverimento [la tassa occulta]

- 9 y Quote rosa [non è un pesce d’aprile]

- 8 y Mai, mai, mai! [Totus tuus ego sum Maria]

- 7 y Punta Perotti [lo spartiacque]

6 y sso ccontento…! [il ri-epilogo]

- 5 y Favole greche e leggende metropolitane [ici]

4 y Anche i ricchi piangono [o dei rovesci]

3 y Un giudice  [Fabrizio De Andrè, amico fragile]

- 2 y Per interesse  [contro il declino]

-  1 y La nomination [BIP® brother] 

0 y  L'identità mediale degli italiani [BIP® exit]


Questo blog aderiva alla campagna
"Salviamo la Costituzione. Aggiornarla non demolirla".

Contro la sottrazione di democrazia tentata dal governo dei pre-potenti.



Infopoint

La posta in gioco

Si sceglieva tra 2 modelli*:

il sistema che accoglie l'individuo,
non privo di limiti;

l'individualismo che rigetta la relazione
tra gli individui, la nega ideologicamente,
privilegiando la soluzione asociale.

Io scelgo e voto per una società che
sa trarre forza dagli individui
per costruire il sistema e lo scudo,
anche per i più deboli
, gli ultimi,
i meno muniti e più sprovveduti,
che non possono rimanere ostaggi,
in balia dei rapporti di forza
economici o politici;
e non delega la salvezza all'uomo, della provvidenza



banditore [ in un film già visto ].

*ma l'Unione non lo aveva capito.






[ charis community ]

FENICOTTERO SNODATO Un'esemplare di fenicottero rosa si accarezza compiaciuto il collo allo zoo di Francoforte in Germania (Frank May /Epa)

CERCA