.
Annunci online

Ethos
l' Uomo in bianco e nero


Diario


12 luglio 2008

Upanishad [sedersi vicino]

Chi la conosceva racconta che Valentina C. 29 anni, studentessa di neuropsichiatria, non si era mai ripresa dalla violenza subita. Ieri i genitori l'hanno trovata nel suo appartamento di Torino: la ragazza si era impiccata. L'episodio del quale la giovane era stata vittima è avvenuto sette anni fa a Milano: insieme al fidanzato era uscita per una passeggiata serale in un parco.

Tre italiani avevano aggredito la coppia, picchiato il ragazzo e stuprato lei. Arrestati, sono stati condannati, mentre la vittima ha cambiato città dove ha cercato di proseguire gli studi all'università. Negli ultimi mesi anche lo studio era diventato difficile per Valentina. Ieri, i primi esami del medico legale, hanno stabilito che non erano passate più di 15 ore tra la sua morte e la scoperta.

[ click ]

L'etimologia del termine, secondo alcune interpretazioni delle Upanishad (14-18), viene dalle radici gu ("oscurità") e ru ("svanire"), significando quindi colui che disperde l'oscurità.

Link mapeccesso furibondo di immagini|eccesso furibondo di realtà|sedersi vicino|guru|eccesso furibondo|earnest


26 maggio 2008

La Babele linguistica riflette il disorientamento

E' vero: c'è una distorsione elevata fra percezione e realtà. Fra l'insicurezza e i motivi usati, normalmente, per spiegarla. Ormai è quasi uno slogan che echeggia in ogni discorso. Quasi un riflesso pavloviano. Proviamo crescente paura della criminalità anche se la criminalità diminuisce oppure, comunque, non aumenta. Una considerazione banale. Osservare che non c'è motivo di avere paura. Però se abbiamo paura qualche motivo c'è. E comunque: abbiamo paura.

[ click ]

Homer Simpson urla alla maniera del soggetto di Munch

Non abbiamo modelli di organizzazione reale della società. E non abbiamo definizioni. Non è una semplice questione lessicale, si traduce in fatti concreti. Tanto che il governo deve fare dei virtuosismi linguistici per distinguere i suoi provvedimenti. L'immigrato non necessariamente è uno straniero. Può essere un italiano che si sposta. Lo straniero non necessariamente è un immigrato. Poi ci sono diverse categorie di immigrati e di stranieri. I romeni non sono tutti rom, né tutti i rom sono romeni. I romeni e gli stessi rom romeni non sono extracomunitari. La Babele linguistica riflette il disorientamento.

Link map: munch|diamanti|kantor|paura|bell'italia|radici


9 febbraio 2008

Abusivismi

Due ragazzi di 15 e 16 anni, residenti a Fabrica di Roma, un paese a pochi chilometri da Viterbo, sono stati arrestati con l'accusa di violenza sessuale di gruppo ai danni di tre bambini.

I due adolescenti, uno albanese l'altro di Viterbo, in compagnia di un coetaneo denunciato in stato di libertà, avrebbero costretto con la forza tre bambini - di 10, 11 e 12 anni - due dei quali figli di immigrati nati in Italia, ad avere rapporti sessuali nei pressi di una sala giochi.

La vicenda, avvenuta due giorni fa, è stata denunciata da due madri, entrambe straniere, alle quali i figli avevano raccontato le violenze subite. I riscontri eseguiti dai carabinieri hanno suffragato la versione dei fatti fornita dalle vittime.

I due ragazzi arrestati sono stati portati nel centro di prima accoglienza per minorenni di Roma.

Nei sogni di Sam Lowry lo vediamo lottare contro un immenso Samurai - Sam you're I (Sam tu sei me), bellissima associazione per dirci che Sam lottava contro tutte le sue paure. Noi siamo il nostro nemico. In fondo Brazil non è che un sogno dentro un incubo.

Link map: in fondo brazil non è che un sogno dentro un incubo


8 maggio 2007

Branchi bestiali di analfabeti sentimentali

L'ha soccorsa un passante: piangeva accovacciata a terra. In tre l'hanno violentata minacciandola con un coltello. Lei ha appena diciassette anni; i suoi aguzzini poco più di venti. Uno ha precedenti penali; gli altri sono incensurati. I tre l'hanno abbordata in una discoteca e trascinata con le minacce in un locale isolato. Violentata a turno, torturata con il coltello, abbandonata sanguinante sul pavimento del magazzino.

Ricoverata all'ospedale di San Severo, la ragazza è stata operata d'urgenza all'addome, un intervento che ha richiesto alcune ore per via di una ferita da arma da taglio. Le condizioni sono gravi ma la sua vita non è pericolo.

La ragazzina stuprata è stata soccorsa e salvata da un passante che ha avvisato i carabinieri. L'uomo ha sentito il pianto e le grida di aiuto della ragazza, dopo che, violentata e ferita, era già stata abbandonata dai suoi aggressori nella stessa zona periferica dove era stata condotta. Dalle notizie trapelate, sembra che la ragazzina sia stata colpita con sette coltellate, una delle quali, quella all'addome, ha provocato i danni maggiori. Le altre sono state inferte al collo e alle braccia. La ragazza avrebbe inutilmente cercato di opporsi alla violenza, ma è stata sopraffatta dai tre ragazzi. Tentando di fuggire, ha gridato che avrebbe raccontato tutto e li avrebbe denunciati e, a questo punto, è stata bloccata di nuovo e accoltellata.

Clicca sulle immagini | 08 maggio 2007


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. stupro violenza san severo minorenne ragazzina

permalink | inviato da Ethos il 8/5/2007 alle 20:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


25 aprile 2007

Legge naturale

Siamo tutti convocati a Rignano Flaminio. Non c’è possibilità di defezione. Siamo tutti persone informate sui fatti.

L’elemento più impressionante di questa ennesima storia di pedofilia, di abusi sessuali a danno di vittime inermi, è la ricostruzione della reazione impotente di queste bambine e bambini. Incapaci di sottrarsi alle perversioni di adulti feroci quanto i giochi messi in scena, su corpi e tessuti personali sottomessi a devastazione. L’efferata normalità, priva di qualsiasi limite, con cui provocavano a sé stessi piaceri voyeuristici, tattili, mentali e di ruolo a danno di bambine e bambini usati come carne da macello.

Asseriva Francis Bacon, attraversato dal proprio percorso di verità, che esprimeva in pittura:

«Noi siamo carne macellata, delle carcasse in potenza: se mi capita di andare da un macellaio io trovo sempre sorprendente di non essere là, al posto dell’animale». Si sa, i gay non hanno coscienza, secondo qualche talebano dell’ortodossia immaginaria: Francis Bacon era omosessuale pur rimanendo un uomo retto, prima d’essere artista di immensa grandezza.


[
clicca sulle immagini]

Francis Bacon, Figure with Meat, 1954, huile sur toile, Art Institute of Chicago


A quei ganci sono state appese le carcasse di quei bambini e di quelle bambine, incuranti delle loro dinamiche infantili, come carne da macello, bestie da soma. Ostaggi di un’altra feroce bestialità. Il loro diritto all’infanzia,
legge naturale dagli ominidi delle origini, annientato sotto i colpi ripetuti di adulti mostruosi e compulsivi. Che generavano altri mostri, soggiogati nella compressione della personalità, esile, incapace d'opporre resistenza.

Bambine e bambini che
esplodono in moti tragici di violenza, la stessa che subivano con accanimento ed applicazione maniacale, come un grido di dolore ed un'incomprimibile richiesta d’aiuto: grida prive di suono, proprio come le icone di Bacon, paralizzate in un silenzio sgomento. Il male che alimenta sé stesso. Il male. Che tocca sempre un altro quando parte da me. Che si propaga come una metastasi, fino a quando non trovi una barriera che lo contenga, lo isoli e lo riassorbisca, riducendolo alla propria stessa impotenza. Inversione del male.

Mi chiedo se la frequenza con cui tali ossessioni diventano cronaca nera, nerissima, sia un segnale di allarme sociale o l’ennesimo pruriginoso affastellarsi d’indifferenza.

 Francis Bacon, Three Studies for Figures at the Base of a Crucifixion,  circa 1944

Siamo tutti convocati a
Rignano Flaminio. Non c’è possibilità di defezione. Siamo tutti persone informate sui fatti.


11 febbraio 2007

Ripartenze

Calcio: BINASCO [Milano], picchiato arbitro diciottenne  - Un ragazzo di 18 anni di Zerbo, in provincia di Pavia, arbitro di calcio giovanile, e' stato aggredito a pugni e calci da un gruppetto di tifosi mascherati con sciarpe e cappellini. E' successo ieri sera a Binasco, nel milanese. Gli ultra' erano rimasti scontenti per la direzione della gara, tra la squadra locale e il San Genesio, valida per il campionato giovanile della Lombardia. La giovane vittima e' stata trasportata al pronto soccorso dell'ospedale San Matteo di Pavia, dove ha ricevuto una prognosi di tre giorni per tumefazioni al volto e contusioni all'addome.

 [ click ]

 logo enciclopedia

''Questi violenti sono stati indirizzati verso l'ambito sportivo perché le società conniventi li hanno arruolati per vincere, rendendoli potenti e anche più ricchi ''.

Arrigo Sacchi
ha commentato così, ai microfoni di Radio Kiss Kiss durante la trasmissione 'Che Kalcio!', le decisioni governative in merito alla chiusura degli stadi dopo i fatti di Catania.

''Se la protezione dei club e di alcuni politici non verrà meno, i provvedimenti presi dal Governo saranno aggirati : i tornelli, da soli, non serviranno a niente ''.

sfoglia     giugno        agosto
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
La domanda seconda
L'Uomo in bianco e nero
Salviamo la Costituzione
Finis Terrae
Via
Dialoghi
Politica
13 maggio
Ferrara watch
Il Sindaco del borgo di Hamelin
Il male oscuro
punto.doc
apatatalessa
Apologhi
Posta piccola
La notte della Repubblica
Fine Arts Blog Museums
Vita activa
Un viaggio elettorale
moleskine
Strange days
Fileîs-me? [Gv 21,17]
Maryâm
GU Adinolfi '07
Lectures
Facebook
Il biscotto
Obamerica
Appunti sparsi
Twitter

VAI A VEDERE

Gnu
Blogroll
Wikipedia
Liber liber
Ora esatta
Nessuno Tv
Luogo comune
Connected intelligence
Il blog di Beppe Grillo
Creative commons
Internet filmtrick
Jacques Derrida
Donnie Darko
Submission
Discinto
Cinemage
Sentieri selvaggi
The Cremaster Cycle
Redattore sociale
Indymedia
Rainews24
Mondi vicini
Wittgenstein
Luca De Biase
Rassegna stampa
Il barbiere della sera
Ambigram Gallery
Per l'Infanzia. Vietato Chiudere Gli Occhi
Cattedra dei non credenti
Yadvashem memorial
Il Pifferaio di Hamelin
Linguaggi ipermediali
Arsenale della Pace
Don Tonino Bello
Bambini soldato
Teladipenelope
Club di Roma
Marco Guzzi
Aldo Moro
Teresina
Ecoblog
Anila
Babel
TV
PPP
Brio
Worth
Twitch
Fallujah
Can Xue
Cina oggi
Mauro Biani
Diario acido
Diário gráfico
Questo amore
Astor Piazzolla
Canzoni & poesie
Ebraismo minimo
Francesco Giavazzi
Par-condicio monitor
EC Editorial Cartoons
Economia di Comunione
Music Genome Project
Economics E-journal
I numeri di BIP®™
E quelli di LUI®™
In Video Veritas
Elezioninews.it
BIP®™ pride
Dummies
Nuovoeutile
Googlenterprise
Crowdsourcing
Caffe' Europa
Peacereporter
Spaceandculture
Formazione politica
Monastero di Bose
NIM magazine
PD University
Webroadcast
Time Zone Converter
In-nova 24


Il profilo di Giuseppe Nenna
Profilo Facebook di Giuseppe Nenna
  

In fondo è semplice decifrare BIP®™:
basta capovolgere il senso delle parole
comunicate in pubblico,
per comprendere i suoi obiettivi privati


War is peace
La guerra è pace

Freedom is slavery
La libertà è schiavitù

Ignorance is strenght
L'ignoranza è forza



Use OpenOffice.org




La société du spectacle par Guy E. Debord


Secondo la definizione di Leonardo Boff, in Ethos mondiale

EGA 2000 ISBN 88-7670-394-2, €11,36:

Per ethos intendiamo l’insieme delle aspirazioni, dei valori e dei principi, che orienteranno le relazioni umane nei confronti della natura, della società, delle alterità, di se stessi e del senso trascendente dell’esistenza, Dio.



Si vis pacem para pacem

 

Questo blog è gemellato con Devarim [in ebraico Devarim sono le parole, o le cose].
La lettera ebraica che abbiamo insieme scelto per illustrare questo spazio in comune è bet
,la stessa che dà inizio al libro di Bereshit,in principio, il primo dei cinque che compongono la Torah [corrispondente al nostro libro della Genesi].



Ascolta radiofulmini

E fa zapping con Tv [spenta] med vridbar skärm, Luma, 1959 digitaladoptive


I blogleanno:

15 marzo 2005 | 15 marzo 2006


Il BIP®™ countdown è scaduto

Al 10 aprile 2006, ore 15:00, mancavano:
giorni
ore
minuti
secondi

Countdown memories   

- 14 y Del fisco me ne infischio [i numeri veri]

- 13 y Rottamazione [in]costituzionale [christians]

- 12 y Verso il Partito Democratico [di m. cacciari]

-  11 y La sconfitta [nella palude mediorientale]

- 10 y Impoverimento [la tassa occulta]

- 9 y Quote rosa [non è un pesce d’aprile]

- 8 y Mai, mai, mai! [Totus tuus ego sum Maria]

- 7 y Punta Perotti [lo spartiacque]

6 y sso ccontento…! [il ri-epilogo]

- 5 y Favole greche e leggende metropolitane [ici]

4 y Anche i ricchi piangono [o dei rovesci]

3 y Un giudice  [Fabrizio De Andrè, amico fragile]

- 2 y Per interesse  [contro il declino]

-  1 y La nomination [BIP® brother] 

0 y  L'identità mediale degli italiani [BIP® exit]


Questo blog aderiva alla campagna
"Salviamo la Costituzione. Aggiornarla non demolirla".

Contro la sottrazione di democrazia tentata dal governo dei pre-potenti.



Infopoint

La posta in gioco

Si sceglieva tra 2 modelli*:

il sistema che accoglie l'individuo,
non privo di limiti;

l'individualismo che rigetta la relazione
tra gli individui, la nega ideologicamente,
privilegiando la soluzione asociale.

Io scelgo e voto per una società che
sa trarre forza dagli individui
per costruire il sistema e lo scudo,
anche per i più deboli
, gli ultimi,
i meno muniti e più sprovveduti,
che non possono rimanere ostaggi,
in balia dei rapporti di forza
economici o politici;
e non delega la salvezza all'uomo, della provvidenza



banditore [ in un film già visto ].

*ma l'Unione non lo aveva capito.






[ charis community ]

FENICOTTERO SNODATO Un'esemplare di fenicottero rosa si accarezza compiaciuto il collo allo zoo di Francoforte in Germania (Frank May /Epa)

CERCA