.
Annunci online

Ethos
l' Uomo in bianco e nero


Diario


31 gennaio 2006

Il colore dei soldi




Mancia continua.





permalink | inviato da il 31/1/2006 alle 19:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa


31 gennaio 2006

Coretta King Memorial

I have a dream that one day this nation will rise up and live out the true meaning of its creed:

"We hold these truths to be self-evident: that all men are created equal."

I have a dream that one day on the red hills of Georgia the sons of former slaves and the sons of former slaveowners will be able to sit down together at a table of brotherhood.

I have a dream that one day even the state of Mississippi, a desert state, sweltering with the heat of injustice and oppression, will be transformed into an oasis of freedom and justice.

I have a dream that my four children will one day live in a nation where they will not be judged by the color of their skin but by the content of their character.

I have a dream today.




La giustizia in realtà è l'amore in azione.




permalink | inviato da il 31/1/2006 alle 14:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


31 gennaio 2006

L'Editoriale

Sbloggata è una piccola star nel piccolo mondo del cannocchiale. Sposa da qualche mese. Alle prese con una situazione diffusa al sud. Non conosco bene la sua storia ma, vivendo a Matera, presumo che qualcuno nella cerchia della parentela più o meno ampia sia coinvolta nella crisi di Natuzzi o Filanto. Vale a dire di quella parte di buona manifattura italiana esposta alla concorrenza dei paesi emergenti.

Che racconta non semplicemente l'impreparazione rispetto ai grandi cambiamenti che investono la divisione del lavoro internazionale, quanto soprattutto il ritardo accumulato da questo Paese nei suoi snodi principali. A cominciare dal costo delle rendite, la chiave di tutte le sciagure italiane: cooptazione corporativa e familismo amorale [Corsera 13 maggio 2005]. Vale a dire la smarrita capacità di riconoscere il merito e selezionare buona classe dirigente. Oggi, soprattutto al sud, i due mali si sommano e convivono.

Credo che il suo sfogo limpido valga almeno quanto un editoriale di Francesco Giavazzi. Facendo filtrare, in controluce, dalla fiction continua del Bagaglino permanente di largo Chigi l'altra faccia della vita: quella reale, senza fondali di cartapesta e chroma key.




[
photos © yekaterina yushmanaova 2003]




permalink | inviato da il 31/1/2006 alle 13:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


30 gennaio 2006

Se il buongiorno si vede dal "Mattino"

Avevo scritto dei criteri di nomina [si fa per dire] dei direttori generali in ASL ed aziende ospedaliere campane.

Ovviamente, considerate le premesse, il primo atto del nuovo DG dell’ospedale Rummo a Benevento è stato quello di tagliare alcuni contratti a termine al personale medico impiegato nell’Unità Operativa di Pneumologia.

Perché proprio quella? Semplice. È la specialità dove la medicina convenzionata è più forte nell’hinterland, nonostante che la domanda di assistenza alla struttura pubblica fosse ormai consolidata e molto richiesta in regione [come dettaglia l'articolo pubblicato dal Mattino in cronaca locale]. In soldoni quello è [era] un esempio di reparto che produceva
risparmi alla disastrata sanità campana.

Che dubbio poteva esserci che il primo reparto da colpire fosse proprio quello?
Una goccia nel mare? Può darsi, ma il mare è fatto di gocce ed il provvedimento non sembra precisamente supportato da razionalità tecnico-sanitaria [per abusare d'un grazioso eufemismo].




permalink | inviato da il 30/1/2006 alle 18:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa


30 gennaio 2006

27441 secondi


Vedere, ascoltare & capire  




7,6225 ore
tra il 7 ed il 20 gennaio

[Cliccare sul testo sottolineato per accedervi.
Media e dintorni: posizionare il cursore al minuto 20:08 della riproduzione audio].

29.01.06 14:30

Rai Tre u

In ½ h

29.01.06 15:17

Radio Radicale u

MEDIA E DINTORNI




permalink | inviato da il 30/1/2006 alle 12:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


29 gennaio 2006

Belo Horizonte

Sembra una favola, ma potrebbe diventare una parabola mediatica. Considerata la straordinarietà dell’evento, anche suggerire un’ipotesi di impresa televisiva. Sulle orme del signor Truman. Non mr. President, l’altro, quello inscatolato in Campbell's soup da Peter Weir.


[   Please click   ]




permalink | inviato da il 29/1/2006 alle 18:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


29 gennaio 2006

...e pagliacciate

BIP®™ [ieri a Cagliari] al trentenne don Massimiliano Pusceddo, parroco di S. Lucifero di Vallermosa:

“Caro Don Massimiliano la ringrazio molto, cercherò di essere all’altezza e le prometto sin d’ora due mesi e mezzo di astinenza sessuale assoluta, fino al 9 aprile”.

Sommessamente gli consiglierei una ragionevole castità dalla menzogna. Ragionevole, non una conversione sulla via di Damasco. Ma ho l’impressione che rimarrebbe senza parole, incapace anche di dire una sola barzelletta.

[P.s.: a 70 anni la castità più che un’eccezione è la regola. S’immoli per miglior causa. Possibilmente non coincidente esclusivamente con l'incorruttibile, personalissima, solidità patrimoniale].




permalink | inviato da il 29/1/2006 alle 10:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


29 gennaio 2006

Cose serie

Una cannula sottile e' stata impiantata nel cuore di un feto di 30 settimane: l'ardita operazione di micro-cardiochirurgia, la prima al mondo del genere, e' stata eseguita lo scorso novembre nella clinica pediatrica Children's Hospital Boston, nel Massachusetts, che ne da' notizia solo oggi, dopo che la bimba, Grace VanDerwerken, e' stata dimessa 17 giorni dopo il parto, ed ha potuto essere portata a casa insieme ai genitori ed ai tre fratellini.




permalink | inviato da il 29/1/2006 alle 10:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


28 gennaio 2006

Tre soggetti di Edouard Vuillard

D’istinto, e senza ragionarci troppo. Come a me piace essere colpito dallo sguardo dell’artista fissato sulla materia della propria applicazione, dalla tela alla celluloide, dal marmo ai files.  

1891 [olio su tela]

 

  

1901 [litografia]

 

1931 [tecnica mista su tela]


Il primo potrei essere io, ha qualcosa che mi è familiare. Od almeno, qualcosa che io associo all’uomo che Vuillard ritrae.

La discussione sulla scelta delle opere sarà materia di commento.

Cliccando su ciascuna delle immagini si viene reindirizzati al sito da cui sono prelevate.




permalink | inviato da il 28/1/2006 alle 14:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


28 gennaio 2006

13 proiettili per "difendersi"

Un morto sul terreno, di cui rimane il colorito del sangue, come di un sorbetto al mirtillo nel biancore della neve. Ma in fondo era solo un albanese di 26 anni. Un indiziato per omicidio volontario. Il sottotesto anticipato qualche post addietro:

Lo stato [con la lettera minuscola] si ritira e delega la difesa personale, lasciandola nel cono d’ombra della soggettiva capacità di dominare eventi delittuosi, preda dell’attimo. E ciascuno sa bene quanto pericoloso sia agire in una condizione estrema, quando l’emozione forza le scelte al di là della volontà.


Oltre la stupidità paraideologica dell’omicida c’è l’umanità disumana del suo gesto. 13 colpi esplosi; uno mortale. Come ad un tiro a segno.

Ma lui, paradossalmente, non ne è responsabile. Gli imputati dovrebbero essere altri: quanti hanno sostenuto questa legge ignobile, delegando il monopolio della violenza a chi non è preparato a sostenere pressioni così forti, sulla base di un avallo non solo incivile ma anche codificato per legge. Ancorché a qualche giorno dalla piena vigenza della norma.

Fuoco amico
di cui Michelangelo Rizzi è divenuto per un atroce scherzo del destino, come per contrappasso, prima vittima. In un sentiero scosceso. Petits pas vers la barbarie.




permalink | inviato da il 28/1/2006 alle 11:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia     dicembre   <<  1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7  >>   febbraio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
La domanda seconda
L'Uomo in bianco e nero
Salviamo la Costituzione
Finis Terrae
Via
Dialoghi
Politica
13 maggio
Ferrara watch
Il Sindaco del borgo di Hamelin
Il male oscuro
punto.doc
apatatalessa
Apologhi
Posta piccola
La notte della Repubblica
Fine Arts Blog Museums
Vita activa
Un viaggio elettorale
moleskine
Strange days
Fileîs-me? [Gv 21,17]
Maryâm
GU Adinolfi '07
Lectures
Facebook
Il biscotto
Obamerica
Appunti sparsi
Twitter

VAI A VEDERE

Gnu
Blogroll
Wikipedia
Liber liber
Ora esatta
Nessuno Tv
Luogo comune
Connected intelligence
Il blog di Beppe Grillo
Creative commons
Internet filmtrick
Jacques Derrida
Donnie Darko
Submission
Discinto
Cinemage
Sentieri selvaggi
The Cremaster Cycle
Redattore sociale
Indymedia
Rainews24
Mondi vicini
Wittgenstein
Luca De Biase
Rassegna stampa
Il barbiere della sera
Ambigram Gallery
Per l'Infanzia. Vietato Chiudere Gli Occhi
Cattedra dei non credenti
Yadvashem memorial
Il Pifferaio di Hamelin
Linguaggi ipermediali
Arsenale della Pace
Don Tonino Bello
Bambini soldato
Teladipenelope
Club di Roma
Marco Guzzi
Aldo Moro
Teresina
Ecoblog
Anila
Babel
TV
PPP
Brio
Worth
Twitch
Fallujah
Can Xue
Cina oggi
Mauro Biani
Diario acido
Diário gráfico
Questo amore
Astor Piazzolla
Canzoni & poesie
Ebraismo minimo
Francesco Giavazzi
Par-condicio monitor
EC Editorial Cartoons
Economia di Comunione
Music Genome Project
Economics E-journal
I numeri di BIP®™
E quelli di LUI®™
In Video Veritas
Elezioninews.it
BIP®™ pride
Dummies
Nuovoeutile
Googlenterprise
Crowdsourcing
Caffe' Europa
Peacereporter
Spaceandculture
Formazione politica
Monastero di Bose
NIM magazine
PD University
Webroadcast
Time Zone Converter
In-nova 24


Il profilo di Giuseppe Nenna
Profilo Facebook di Giuseppe Nenna
  

In fondo è semplice decifrare BIP®™:
basta capovolgere il senso delle parole
comunicate in pubblico,
per comprendere i suoi obiettivi privati


War is peace
La guerra è pace

Freedom is slavery
La libertà è schiavitù

Ignorance is strenght
L'ignoranza è forza



Use OpenOffice.org




La société du spectacle par Guy E. Debord


Secondo la definizione di Leonardo Boff, in Ethos mondiale

EGA 2000 ISBN 88-7670-394-2, €11,36:

Per ethos intendiamo l’insieme delle aspirazioni, dei valori e dei principi, che orienteranno le relazioni umane nei confronti della natura, della società, delle alterità, di se stessi e del senso trascendente dell’esistenza, Dio.



Si vis pacem para pacem

 

Questo blog è gemellato con Devarim [in ebraico Devarim sono le parole, o le cose].
La lettera ebraica che abbiamo insieme scelto per illustrare questo spazio in comune è bet
,la stessa che dà inizio al libro di Bereshit,in principio, il primo dei cinque che compongono la Torah [corrispondente al nostro libro della Genesi].



Ascolta radiofulmini

E fa zapping con Tv [spenta] med vridbar skärm, Luma, 1959 digitaladoptive


I blogleanno:

15 marzo 2005 | 15 marzo 2006


Il BIP®™ countdown è scaduto

Al 10 aprile 2006, ore 15:00, mancavano:
giorni
ore
minuti
secondi

Countdown memories   

- 14 y Del fisco me ne infischio [i numeri veri]

- 13 y Rottamazione [in]costituzionale [christians]

- 12 y Verso il Partito Democratico [di m. cacciari]

-  11 y La sconfitta [nella palude mediorientale]

- 10 y Impoverimento [la tassa occulta]

- 9 y Quote rosa [non è un pesce d’aprile]

- 8 y Mai, mai, mai! [Totus tuus ego sum Maria]

- 7 y Punta Perotti [lo spartiacque]

6 y sso ccontento…! [il ri-epilogo]

- 5 y Favole greche e leggende metropolitane [ici]

4 y Anche i ricchi piangono [o dei rovesci]

3 y Un giudice  [Fabrizio De Andrè, amico fragile]

- 2 y Per interesse  [contro il declino]

-  1 y La nomination [BIP® brother] 

0 y  L'identità mediale degli italiani [BIP® exit]


Questo blog aderiva alla campagna
"Salviamo la Costituzione. Aggiornarla non demolirla".

Contro la sottrazione di democrazia tentata dal governo dei pre-potenti.



Infopoint

La posta in gioco

Si sceglieva tra 2 modelli*:

il sistema che accoglie l'individuo,
non privo di limiti;

l'individualismo che rigetta la relazione
tra gli individui, la nega ideologicamente,
privilegiando la soluzione asociale.

Io scelgo e voto per una società che
sa trarre forza dagli individui
per costruire il sistema e lo scudo,
anche per i più deboli
, gli ultimi,
i meno muniti e più sprovveduti,
che non possono rimanere ostaggi,
in balia dei rapporti di forza
economici o politici;
e non delega la salvezza all'uomo, della provvidenza



banditore [ in un film già visto ].

*ma l'Unione non lo aveva capito.






[ charis community ]

FENICOTTERO SNODATO Un'esemplare di fenicottero rosa si accarezza compiaciuto il collo allo zoo di Francoforte in Germania (Frank May /Epa)

CERCA