.
Annunci online

Ethos
l' Uomo in bianco e nero


Diario


30 settembre 2007

Nike versus Vìkn

 
Nike, detta Vìkn, rappresenta la Vittoria Alata

[ clicca sulle immagini ]


30 settembre 2007

He win

 
I Ham, you are




[clicca sulle immagini]


29 settembre 2007

Dove



Evolution



Parody


Ognuno ha in sé l'originale della bellezza di cui cerca la copia nel vasto mondo
.

Blaise Pascal


25 settembre 2007

Caprice

 [ clicca sull'immagine di Caprice Bourret ]






Non anoressica.


25 settembre 2007

La vanità nel falò [brucia]

 [ clicca sull'immagine per accedere al sito della campagna ]

Nolita pocket

Non c'è dubbio sia shoccante.

Non c'è dubbio sia 
efficace.


24 settembre 2007

Money

Nel corso della solenne Celebrazione eucaristica, commentando i testi liturgici, ho avuto modo di soffermarmi a riflettere sul retto uso dei beni terreni, un tema che in queste domeniche l’evangelista Luca, in vari modi, ha riproposto alla nostra attenzione. Raccontando la parabola di un amministratore disonesto ma assai scaltro, Cristo insegna ai suoi discepoli quale è il modo migliore di utilizzare il denaro e le ricchezze materiali, e cioè condividerli con i poveri procurandosi così la loro amicizia, in vista del Regno dei cieli.

"Procuratevi amici con la disonesta ricchezza – dice Gesùperché quando essa verrà a mancare, vi accolgano nelle dimore eterne" [Lc 16,9]. Il denaro non è "disonesto" in se stesso, ma più di ogni altra cosa può chiudere l’uomo in un cieco egoismo. Si tratta dunque di operare una sorta di "conversione" dei beni economici: invece di usarli solo per interesse proprio, occorre pensare anche alle necessità dei poveri, imitando Cristo stesso, il quale – scrive san Paolo – "da ricco che era si fece povero per arricchire noi con la sua povertà" [2 Cor 8,9].

Sembra un paradosso: Cristo non ci ha arricchiti con la sua ricchezza, ma con la sua povertà, cioè con il suo amore che lo ha spinto a darsi totalmente a noi. Qui potrebbe aprirsi un vasto e complesso campo di riflessione sul tema della ricchezza e della povertà, anche su scala mondiale, in cui si confrontano due logiche economiche: la logica del profitto e quella della equa distribuzione dei beni, che non sono in contraddizione l’una con l’altra, purché il loro rapporto sia bene ordinato.

La dottrina sociale cattolica ha sempre sostenuto che l’equa distribuzione dei beni è prioritaria. Il profitto è naturalmente legittimo e, nella giusta misura, necessario allo sviluppo economico. Giovanni Paolo II così scrisse nell’Enciclica Centesimus annus: "la moderna economia d’impresa comporta aspetti positivi, la cui radice è la libertà della persona, che si esprime in campo economico come in tanti altri campi " [n. 32]. Tuttavia, egli aggiunse, il capitalismo non va considerato come l’unico modello valido di organizzazione economica [cfr ivi, 35]. L’emergenza della fame e quella ecologica stanno a denunciare, con crescente evidenza, che la logica del profitto, se prevalente, incrementa la sproporzione tra ricchi e poveri e un rovinoso sfruttamento del pianeta. Quando invece prevale la logica della condivisione e della solidarietà, è possibile correggere la rotta e orientarla verso uno sviluppo equo e sostenibile.

Maria Santissima, che nel Magnificat proclama: il Signore "ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato i ricchi a mani vuote" [Lc 1,53], aiuti i cristiani ad usare con saggezza evangelica, cioè con generosa solidarietà, i beni terreni, ed ispiri ai governanti e agli economisti strategie lungimiranti che favoriscano l’autentico progresso di tutti i popoli.


23 settembre 2007

Desmocasey, Italia

 

Casey Stoner e la Ducati sono campioni del Mondo della classe regina del Motomondiale. Grazie al sesto posto ottenuto nel GP del Giappone a Motegi, l'australiano vince il titolo con due gare d'anticipo. L'altro pilota Ducati, Loris Capirossi, ha invece vinto il GP contribuendo al successo della Casa di Borgo Panigale nei CostruttoriValentino Rossi ha invece chiuso la gara al 13esimo posto con la Yamaha.



[ click ]

E Mediaset, interrompendo il collegamento dal Giappone prima della premiazione del nuovo campione del mondo su moto italiana [una casa italiana non vinceva questo titolo da 34 anni; l'ultima a riuscirci fu la MV Agusta nel 1973] sembra la RAI anni '70.


23 settembre 2007

Il falò delle vanità



[ clicca sull'immagine per accedere all'articolo pubblicato dal Daily Mail ]


22 settembre 2007

LI.A1 Ein Brief

Cominciamo dai codici. LIA1, significa niente altro che Lectura I, Appendice 1, vale a dire che con oggi si espone la prima Appendice di testi selezionati e proposti come Lectures. In fondo alla pagina troverete sempre il rinvio alle pubblicazioni precedenti. Ein Brief è il testo scelto per l'esordio della rubrica da leggere in capitoli, liberamente combinati dal sottoscritto. 

Ein Brief 
è una lettera. Per la precisione è la lettera che l'autore, l'austriaco Hugo von Hofmannsthal, attribuisce a lord Chandos indirizzata al Francis Bacon cinque-seicentesco [che taluni identificano tra i possibili indiziati di paternità delle opere pubblicate con lo pseudonimo di William Shakespeare]. E non al me carissimo ed inquietante pittore irlandese, icona del Novecento.

Ventottenne, Hofmannsthal scrisse questo piccolo capolavoro, pubblicato sul Der Tag di Berlino nel
1902, quasi a ripetere il dolore del ventiseienne Lord Chados. Che i più ingordi potranno leggere integralmente, subito, al link che chiude il post.

Hugo von Hofmannsthal

Der Brief des Lord Chandos

LI.A1 La lettera di Lord Chandos

Questa è la lettera che Lord Philip Chandos, il figlio più giovane dell'Earl di Bath, scrisse a Francesco Bacone, in seguito Lord Verulam, Visconte di Sant'Albans, per spiegare all'amico la propria totale e definitiva rinuncia all'attività letteraria.

Se è grande bontà, stimatissimo amico, scrivermi sorvolando sull'inerzia intellettuale che si protrae in me ormai da due anni, ancora maggiore benevolenza del vostro interesse verso me, della meraviglia per l'immobilità spirituale in cui vi sembro essere precipitato, è l'esprimere sentimenti con quel senso di leggerezza proprio degli uomini non comuni, di quelli che pur provati dai travagli della vita, non ne sono stati in alcun modo sconfitti.

Voi sigillate la lettera con le parole di Ippocrate: Qui gravi morbo correpti dolorem non sentiunt, iis mens ægrotat, e ne deducete che abbia bisogno del medico non solo per contenere il mio male, ma anche per rendere edotto l'intelletto delle condizioni dello spirito.

Vorrei rispondervi come la vostra attenzione merita, aprirmi completamente con voi e non so come contenermi. Appena riesco a distinguere se io sono proprio ancora quegli cui la vostra distinta lettera s'indirizza: a ventisei anni, sono io il diciannovenne che scrisse quel nuovo Paride, quel Sogno di Dafne, quell'Epithalamium, quei divertimenti pastorali ridondanti di parole pompose di cui una soave regina ed alcuni dei signori assai compiacenti hanno ancora la bontà di ricordarsi?

E sono ancora io quello stesso che a ventitré anni, sotto il loggiato di pietra della gran piazza di Venezia, intuì quell'intreccio di periodare latino la cui astratta spiritualità e costruzione lo esaltarono nell'animo assai più dei palazzi del Palladio e del Sansovino che si affacciano sontuosi dal mare? E se quegli sono io, come ho potuto svellere dal mio imperscrutabile animo ogni traccia e segno del più tormentato intelletto, al punto che nella vostra lettera che mi sta dinanzi, il cui titolo so mi guarda estraneo e freddo, non riesco ad afferrare lo scritto come un ben compiuto e fluido scorrere di parole armoniche, ma solo parola per parola riesco a leggerlo, proprio come se quei vocaboli latini, così ben congegnati, mi si mostrassero per la prima volta agli occhi?

Ma io sono proprio quella stessa persona, lo so sin troppo bene, e ben conosco la retorica che c'è in queste domande, una retorica che può ben valere per le donne e la camera dei comuni, i cui strumenti tanto sopravalutati ai nostri tempi risultano tuttavia del tutto inidonei a penetrare l'essenza delle cose.

A questo punto io debbo quindi palesarvi il mio animo, come in esso rinvenga una sorta di stranezza, un'insofferenza, una malattia dello spirito, se preferite, se veramente infine volete comprendere come un abisso insuperabile mi divida equamente dai lavori letterari che sembrano prospettarmisi dinanzi, come da quelli passati, e che con tanto desueto linguaggio si rivolgono a me, che esito a riconoscerli come mie fatiche.

Io non so invero se meravigliarmi maggiormente della vostra grande benevolenza o dell'incredibile eccezionalità della vostra memoria dacché richiamate alla mia mente gli innumerevoli piccoli progetti che mi dilettavo ad esporvi nei giorni felici del nostro bello e comune sentire. È vero! Io volevo raccontare i primi anni di regno del nostro defunto e glorioso sovrano Enrico VIII!

Gli scritti lasciatimi da mio nonno, il Duca di Exeter, intorno ai suoi negoziati con la Francia ed il Portogallo costituivano una sorta di avvio; e da Sallustio sorgeva in me, in quei fortunati vividi giorni, come un fiume impetuoso, la presa di coscienza dell'individuazione della forma, quella vera, profonda, intima, che, al di là dell'intreccio de gli artifici retorici, può essere soltanto intuita, quella di cui qualsiasi uomo nulla diman più può dire se non che ordina la materia, la penetra, la eleva e genera insieme poesia e verità, un intreccio di forze eterne, un qualcosa di stupefacente come la musica e la matematica. Questo era il mio progetto più caro.

Ma cosa mai è l'uomo da poter riuscire a realizzare i propri progetti!

Io mi cullavo anche con altri progetti: la vostra cara lettera li lascia riaffiorare. Anche se alimentati, goccia dopo goccia, con il mio sangue, li vedo ora tristemente librarsi dinanzi a me, come afflitte zanzare, su di un muro scuro che la chiara luce dei giorni felici che furono non illumina più. Quelle favole e quei racconti fantastici che gli antichi ci hanno lasciato, che pittori e scultori provano a tradurre nelle loro forme con piacere smisurato ed indescrivibile, era ciò che mi sarebbe piaciuto svelare come geroglifici di un'arcana quanto infinita sapienza della quale a volte mi sembrava di cogliere il caldo respiro come dietro ad un velario.

[ 1, continua ]


21 settembre 2007

Nec recisa recedit

Tra Vincenzo Visco e Roberto Speciale, continuo largamente a preferire il viceministro ed a schifare l’ex ambiguo comandante generale della GdF.



[ click ]


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. gdf motto stemma vincenzo visco roberto speciale

permalink | inviato da Ethos il 21/9/2007 alle 9:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia     agosto   <<  1 | 2 | 3 | 4  >>   ottobre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
La domanda seconda
L'Uomo in bianco e nero
Salviamo la Costituzione
Finis Terrae
Via
Dialoghi
Politica
13 maggio
Ferrara watch
Il Sindaco del borgo di Hamelin
Il male oscuro
punto.doc
apatatalessa
Apologhi
Posta piccola
La notte della Repubblica
Fine Arts Blog Museums
Vita activa
Un viaggio elettorale
moleskine
Strange days
Fileîs-me? [Gv 21,17]
Maryâm
GU Adinolfi '07
Lectures
Facebook
Il biscotto
Obamerica
Appunti sparsi
Twitter

VAI A VEDERE

Gnu
Blogroll
Wikipedia
Liber liber
Ora esatta
Nessuno Tv
Luogo comune
Connected intelligence
Il blog di Beppe Grillo
Creative commons
Internet filmtrick
Jacques Derrida
Donnie Darko
Submission
Discinto
Cinemage
Sentieri selvaggi
The Cremaster Cycle
Redattore sociale
Indymedia
Rainews24
Mondi vicini
Wittgenstein
Luca De Biase
Rassegna stampa
Il barbiere della sera
Ambigram Gallery
Per l'Infanzia. Vietato Chiudere Gli Occhi
Cattedra dei non credenti
Yadvashem memorial
Il Pifferaio di Hamelin
Linguaggi ipermediali
Arsenale della Pace
Don Tonino Bello
Bambini soldato
Teladipenelope
Club di Roma
Marco Guzzi
Aldo Moro
Teresina
Ecoblog
Anila
Babel
TV
PPP
Brio
Worth
Twitch
Fallujah
Can Xue
Cina oggi
Mauro Biani
Diario acido
Diário gráfico
Questo amore
Astor Piazzolla
Canzoni & poesie
Ebraismo minimo
Francesco Giavazzi
Par-condicio monitor
EC Editorial Cartoons
Economia di Comunione
Music Genome Project
Economics E-journal
I numeri di BIP®™
E quelli di LUI®™
In Video Veritas
Elezioninews.it
BIP®™ pride
Dummies
Nuovoeutile
Googlenterprise
Crowdsourcing
Caffe' Europa
Peacereporter
Spaceandculture
Formazione politica
Monastero di Bose
NIM magazine
PD University
Webroadcast
Time Zone Converter
In-nova 24


Il profilo di Giuseppe Nenna
Profilo Facebook di Giuseppe Nenna
  

In fondo è semplice decifrare BIP®™:
basta capovolgere il senso delle parole
comunicate in pubblico,
per comprendere i suoi obiettivi privati


War is peace
La guerra è pace

Freedom is slavery
La libertà è schiavitù

Ignorance is strenght
L'ignoranza è forza



Use OpenOffice.org




La société du spectacle par Guy E. Debord


Secondo la definizione di Leonardo Boff, in Ethos mondiale

EGA 2000 ISBN 88-7670-394-2, €11,36:

Per ethos intendiamo l’insieme delle aspirazioni, dei valori e dei principi, che orienteranno le relazioni umane nei confronti della natura, della società, delle alterità, di se stessi e del senso trascendente dell’esistenza, Dio.



Si vis pacem para pacem

 

Questo blog è gemellato con Devarim [in ebraico Devarim sono le parole, o le cose].
La lettera ebraica che abbiamo insieme scelto per illustrare questo spazio in comune è bet
,la stessa che dà inizio al libro di Bereshit,in principio, il primo dei cinque che compongono la Torah [corrispondente al nostro libro della Genesi].



Ascolta radiofulmini

E fa zapping con Tv [spenta] med vridbar skärm, Luma, 1959 digitaladoptive


I blogleanno:

15 marzo 2005 | 15 marzo 2006


Il BIP®™ countdown è scaduto

Al 10 aprile 2006, ore 15:00, mancavano:
giorni
ore
minuti
secondi

Countdown memories   

- 14 y Del fisco me ne infischio [i numeri veri]

- 13 y Rottamazione [in]costituzionale [christians]

- 12 y Verso il Partito Democratico [di m. cacciari]

-  11 y La sconfitta [nella palude mediorientale]

- 10 y Impoverimento [la tassa occulta]

- 9 y Quote rosa [non è un pesce d’aprile]

- 8 y Mai, mai, mai! [Totus tuus ego sum Maria]

- 7 y Punta Perotti [lo spartiacque]

6 y sso ccontento…! [il ri-epilogo]

- 5 y Favole greche e leggende metropolitane [ici]

4 y Anche i ricchi piangono [o dei rovesci]

3 y Un giudice  [Fabrizio De Andrè, amico fragile]

- 2 y Per interesse  [contro il declino]

-  1 y La nomination [BIP® brother] 

0 y  L'identità mediale degli italiani [BIP® exit]


Questo blog aderiva alla campagna
"Salviamo la Costituzione. Aggiornarla non demolirla".

Contro la sottrazione di democrazia tentata dal governo dei pre-potenti.



Infopoint

La posta in gioco

Si sceglieva tra 2 modelli*:

il sistema che accoglie l'individuo,
non privo di limiti;

l'individualismo che rigetta la relazione
tra gli individui, la nega ideologicamente,
privilegiando la soluzione asociale.

Io scelgo e voto per una società che
sa trarre forza dagli individui
per costruire il sistema e lo scudo,
anche per i più deboli
, gli ultimi,
i meno muniti e più sprovveduti,
che non possono rimanere ostaggi,
in balia dei rapporti di forza
economici o politici;
e non delega la salvezza all'uomo, della provvidenza



banditore [ in un film già visto ].

*ma l'Unione non lo aveva capito.






[ charis community ]

FENICOTTERO SNODATO Un'esemplare di fenicottero rosa si accarezza compiaciuto il collo allo zoo di Francoforte in Germania (Frank May /Epa)

CERCA