Blog: http://Ethos.ilcannocchiale.it

Aparecida

Verso la V conferenza generale dell’episcopato latinoamericano,
che si terrà ad Aparecida dal 13 al 31 maggio 2007.

 Nostra Signora di Aparecida o Nostra Signora della Concezione di Aparecida, è la patrona del Brasile. Il santuario si trova ad Aparecida do Norte, nello stato di San Paolo.

E poi la sorpresa. Benedetto XVI, ancora in un pranzo con i cardinali rappresentanti dell’America Latina, comunicava la sua decisione: né in Cile, né in Argentina. E andrebbe quasi detto: neppure in Brasile, ma ad Aparecida!

Il papa non motivò la sua scelta. Le ragioni devono essere dedotte. La più evidente è legata, mi sembra, al simbolismo di Aparecida, con tutto il complesso di circostanze che compongono oggi il panorama ecclesiale del santuario di Aparecida.

Ma è legittimo chiedersi se Benedetto XVI non avesse anche altre ragioni per scegliere Aparecida, dato che essa è in Brasile. Non è eccessivo immaginare che Benedetto XVI abbia pensato alla Chiesa del Brasile e al suo peso nel contesto attuale dell’America Latina. E anche al valore della sua ricca esperienza ecclesiale, con il suo dinamismo, incentivato dall’intensa opera della Cnbb ma soprattutto assunto, nella base, dal "popolo di Dio", che ha accolto con entusiasmo e creatività gli orientamenti pastorali del Vaticano II e li ha concretizzati nelle innumerevoli comunità ecclesiali di base, sostenute dalla Parola di Dio e illuminate da una riflessione teologica che ha dato loro consistenza e fondamento.

La decisione di Benedetto XVI è legata pertanto alla Chiesa del Brasile. Anche perché la fondazione del Celam, occasione di questa Conferenza, è avvenuta in Brasile, nella Prima Conferenza Generale nel 1955 [a Rio de Janeiro, ndt].

Sarebbe bene che i vescovi brasiliani si imbevessero della missione di preservare in questa Conferenza i carismi che lo Spirito ha suscitato nel cammino della Chiesa, in questi 50 anni di Celam che si intende celebrare.

Pubblicato il 16/4/2007 alle 23.26 nella rubrica Dialoghi.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web