Blog: http://Ethos.ilcannocchiale.it

Legge naturale

Siamo tutti convocati a Rignano Flaminio. Non c’è possibilità di defezione. Siamo tutti persone informate sui fatti.

L’elemento più impressionante di questa ennesima storia di pedofilia, di abusi sessuali a danno di vittime inermi, è la ricostruzione della reazione impotente di queste bambine e bambini. Incapaci di sottrarsi alle perversioni di adulti feroci quanto i giochi messi in scena, su corpi e tessuti personali sottomessi a devastazione. L’efferata normalità, priva di qualsiasi limite, con cui provocavano a sé stessi piaceri voyeuristici, tattili, mentali e di ruolo a danno di bambine e bambini usati come carne da macello.

Asseriva Francis Bacon, attraversato dal proprio percorso di verità, che esprimeva in pittura:

«Noi siamo carne macellata, delle carcasse in potenza: se mi capita di andare da un macellaio io trovo sempre sorprendente di non essere là, al posto dell’animale». Si sa, i gay non hanno coscienza, secondo qualche talebano dell’ortodossia immaginaria: Francis Bacon era omosessuale pur rimanendo un uomo retto, prima d’essere artista di immensa grandezza.


[
clicca sulle immagini]

Francis Bacon, Figure with Meat, 1954, huile sur toile, Art Institute of Chicago


A quei ganci sono state appese le carcasse di quei bambini e di quelle bambine, incuranti delle loro dinamiche infantili, come carne da macello, bestie da soma. Ostaggi di un’altra feroce bestialità. Il loro diritto all’infanzia,
legge naturale dagli ominidi delle origini, annientato sotto i colpi ripetuti di adulti mostruosi e compulsivi. Che generavano altri mostri, soggiogati nella compressione della personalità, esile, incapace d'opporre resistenza.

Bambine e bambini che
esplodono in moti tragici di violenza, la stessa che subivano con accanimento ed applicazione maniacale, come un grido di dolore ed un'incomprimibile richiesta d’aiuto: grida prive di suono, proprio come le icone di Bacon, paralizzate in un silenzio sgomento. Il male che alimenta sé stesso. Il male. Che tocca sempre un altro quando parte da me. Che si propaga come una metastasi, fino a quando non trovi una barriera che lo contenga, lo isoli e lo riassorbisca, riducendolo alla propria stessa impotenza. Inversione del male.

Mi chiedo se la frequenza con cui tali ossessioni diventano cronaca nera, nerissima, sia un segnale di allarme sociale o l’ennesimo pruriginoso affastellarsi d’indifferenza.

 Francis Bacon, Three Studies for Figures at the Base of a Crucifixion,  circa 1944

Siamo tutti convocati a
Rignano Flaminio. Non c’è possibilità di defezione. Siamo tutti persone informate sui fatti.

Pubblicato il 25/4/2007 alle 6.35 nella rubrica Strange days.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web