Blog: http://Ethos.ilcannocchiale.it

Ribaldoni reloaded: il Ricollocatore

«Non faccio nessun shopping di senatori. Non c’è nessuna compravendita. Io - ha dichiarato il Cavaliere - quello che posso fare è offrire un collocazione politica e dare garanzie certe agli esclusi del Pd. Collocazione significa anche dare un posto a chi non ce l’ha come ho fatto con il segretario della nuova Dc, Rotondi».

In fondo è semplice decifrare BIP®:

basta capovolgere il senso delle parole
comunicate in pubblico,
per comprendere i suoi obiettivi privati.


Esattamente undici mesi fa:

«Allora, presidente, ci siamo. Prodi e i suoi hanno le ore contate. A quando la spallata finale?». La risposta di Silvio Berlusconi alla ristretta cerchia di amici che lo stanno interrogando non è quella che gli ospiti sperano: «Il governo non cadrà, non ora, e neppure domani».

Perché l'uomo che ha trascinato mezza Italia verso traguardi lontani e apparentemente irraggiungibili boccia oggi senza appello le speranze di chi vede una meta vicina? Pessimismo, rassegnazione? Niente di tutto questo, assicura l'ex premier. «Ragazzi, la questione è semplice: manca il killer. Proprio non c'è».

Il Gesù di Arcore [no comment, ndr]

È sera, Berlusconi è rilassato e ha voglia di raccontare. Prima la buona notizia: «Oggi è un grande giorno. Mamma mi ha fatto prendere un grosso spavento. Sapete, a 95 anni ogni tanto la salute fa brutti scherzi ma ora è tutto a posto, da qualche ora è di nuovo a casa e va molto meglio». Poi l'aggiornamento sullo stato del suo menisco: «Fastidioso ma come dire, non è il caso di metterla giù dura». Quindi l'annuncio: «Ho finito di scrivere il libro con le mie memorie. Una faticaccia durata tutta l'estate, altro che le balle sulle mie notti in discoteca. Ho consegnato le bozze in Mondadori. Titolo provvisorio: "Il calvario della libertà". E occhio al singolare, perché la libertà è una sola [un bidone, un raggiro, una truffa, ndr]: o c'è sempre e su tutto o non è».

Già, il calvario del Gesù di Arcore [«Avete visto che un sondaggio del Corriere dice che sono al primo posto tra gli eroi in vita e al secondo in assoluto dietro solo a Papa Wojtyla? »] ma aspettando la resurrezione è la storia del killer che diventa il tema della serata. «Ho studiato e ristudiato la pratica e sono giunto alla conclusione che per ora dobbiamo metterci il cuore in pace. È vero che tutta la sinistra vorrebbe disfarsi di questo signore che si sta occupando solo della sua rete di potere personale, ma per farlo occorre trovare qualcuno disposto a sferrare il colpo mortale. E su questo non c'è il minimo accordo».

Un nome a caso: D'Alema? «No, non si fida, ha contro Fassino e Veltroni». Rutelli? «Impossibile, i ds si alleerebbero e farebbero fuori anche lui». I comunisti? «E quando mai, non tornerebbero mai più al governo. E poi...». E poi? «Son troppo sotto nei sondaggi per rischiare nuove elezioni». Già, sotto, ma di quanto? «Il dato più attendibile è questo: Casa delle libertà 56 per cento, centrosinistra 44».

Una sola avvertenza: non chiamate questa pratica parlamentare ribaltone o ribaltina, è qualcosa di più vigoroso. È una lotta per la libertà e serve a debellare un esecutivo ed una maggioranza che non hanno titolo a sedere sui banchi del governo. L’apoteosi ed il canto del caimano [il cigno non si addice al soggetto, nemmeno in punta di metafora].

Pubblicato il 20/10/2007 alle 9.17 nella rubrica Il Sindaco del borgo di Hamelin.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web