Blog: http://Ethos.ilcannocchiale.it

Il gioco dell'oca meritocratica

[ click ]

Sandra Lonardo in Mastella da ieri è una donna libera

Ha pregato a Pietrelcina, nel luogo dove comparvero per la prima volta le stimmate a Padre Pio, ha ripreso il suo posto in Consiglio regionale accolta da applausi e fasci di fiori, ha raccontato le sue sensazioni di donna e politico privata della libertà [un incubo che sto superando grazie alla fede, al blogger spuntano le lacrime, nda] e infine ha festeggiato con le sue amiche di Ceppaloni, le stesse che da quando è stata travolta dal ciclone non le hanno mai fatto mancare il sostegno.

Così
Sandra Lonardo Mastella ha trascorso il primo giorno di ritrovata libertà, dopo averne vissuti diciotto tra arresti domiciliari e obbligo di dimora: Sono serenissima e tranquilla - rassicura subito - ho la coscienza a posto e ricorre al Vangelo dicendo La raccomandazione non è un reato e - in ogni caso - chi è senza peccato scagli la prima pietra.

Proclama la sua innocenza, Sandra Mastella, esprime fiducia nella magistratura e si dice convinta di
pagare un prezzo altissimo per aver voluto la meritocrazia nel Palazzo. Nella mia vicenda -sottolinea - c'é tanta millanteria. La vita di ogni politico è piena di gente che millanta.

E a chi le dice di non mollare, prima di salutare provata dalla lunga giornata confida: Non c'é notte troppo lunga da non vedere l'alba. Come si dice a Napoli? Adda passà 'a nuttata.

Link mapmartirizzata|padre pio|ipocriti|cronaca|nominocrazia|cetto|ansa

Pubblicato il 4/2/2008 alle 20.38 nella rubrica Il Sindaco del borgo di Hamelin.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web