Blog: http://Ethos.ilcannocchiale.it

La tv è antiveritativa

D’accordo, riconosciamolo: quel­lo che è successo a Napoli è scan­daloso, inaccettabile. Ma lo è per un motivo diverso da quello inalberato co­me uno slogan polveroso da chi – con og­gi sono tre giorni – su tutti i media dispo­nibili non fa che gridare all’attentato con­tro la 194, tanto immaginario quanto stan­camente ripetuto come una citazione ob­bligata.

Silvana ha 39 anni e non è sposata. Vive ad Arzano, grosso centro alle porte di Napoli, con la zia. La gravidanza la sorprende, ma accetta di sfidare il giudizio della gente e di tenere il bambino. Si sottopone agli esami di routine e anche a un’amniocentesi che rileva nel feto la sindrome di Klinefelter, un’anomalia cromosomica che genera caratteri sessuali indefiniti e possibile deficit mentale. Una diagnosi che fa immaginare a Silvana un futuro difficile da affrontare in solitudine.

Nessun confidente, nessun sostegno, nessuna guida per Silvana dilaniata tra il desiderio di maternità e la propria paura. E anche nessuno dei supporti che la 194 prevede. L’incertezza la spinge a decidere per l’aborto. Le avevano parlato del dottor Francesco Leone, responsabile dell’unità Ivg del II Policlinico di Napoli. Ed è qui che le certificano anche il rischio di «grave danno alla salute psichica». Silvana entra nella clinica di Ostetricia venerdì 8 febbraio. È alla 21ma settimana di gravidanza.

Silvana si sottopone a tutti gli esami previsti prima di un aborto «terapeutico». Poi le iniezioni di prostaglandine per forzare le contrazioni. È solo lunedì 11, nel tardo pomeriggio, che l’aborto si compie all’improvviso nel bagno dell’ospedale, dove Silvana è entrata avvertendo dolori di pancia. Il personale medico accorre subito e Silvana è condotta in sala parto. A questo punto un uomo, presumibilmente un infermiere, telefona ai carabinieri denunciando, con particolari circostanziati, quello che appare come un infanticidio.



[ clicca sulle immagini ]




Link map: civetterie|ricostruzione|questioni|pannella vs ferrara

Pubblicato il 15/2/2008 alle 22.36 nella rubrica Ferrara watch.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web