Blog: http://Ethos.ilcannocchiale.it

Il ya longtemps que je t'aime | I zoi tu thanatu

Raccontare il tabù. I tabù. La morte, comare secca sullo sfondo delle nostre inquietudini. L’eutanasia alle soglie dell’amore più intimo e disperato. La più terribile delle prigioni è sopravvivere alla morte del proprio figlio, procurata: una prigione interiore negli occhi e nell’interpretazione [superba] di Kristin Scott Thomas.



I zoi tu thanatu, una vita della morte come quella che potremmo intuire in un’opera teatrale al debutto, il 31 marzo a Roma. Lamentazioni che sono elaborazioni del lutto, non estinzione, nell’anonimato. Silente perché non ha nulla da balbettare. Distratto dal logorio della vita abitata dall’horror vacui.

Link map: sconfini|pietas|lo scafandro|l'invenzione di morel

Pubblicato il 24/3/2009 alle 22.39 nella rubrica Finis Terrae.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web