Blog: http://Ethos.ilcannocchiale.it

Quote Rosa [non è un pesce d'aprile]

BIP®format, 14 iii [C min.] 2006[http://repubblicaradio.repubblica.it/speciale_duello_marzo.php]

"Noi abbiamo aumentato notevolmente il numero di donne nelle nostre liste, ma non è così facile convincere delle persone che hanno una formazione culturale adeguata per intervenire in Parlamento e per essere, quindi, utili ai lavori del Parlamento nella formazione delle Leggi [è noto che il numero di laureate in materie giuridiche è notevolmente superiore al numero di laureati maschi: nda], che siano disposte a lasciare la loro famiglia per cinque giorni alla settimana, a lasciare il marito, a trasferirsi a Roma. Quindi, anche per questo non siamo riusciti a raggiungere quel limite che io… quel traguardo che io avevo ipotizzato, proprio per la impossibilità di trovare delle signore che volessero dedicarsi alla vita politica, lasciando la professione.

Per quanto riguarda il governo, io penso che noi aumenteremo il numero delle donne che sono state questa vota nel governo. Ne abbiamo avute due molto brave: la signora Moratti ci lascia perché diventerà sindaco di Milano, ma ci lascia avendo realizzato una grande riforma, di cui c’era estremamente bisogno come la riforma sulla scuola che ci viene ammirata [e critica… ehhee] e apprezzata da tutti i nostri colleghi in Europa.

Ecco, io credo che il porto
[apporto: nda] delle donne alla vita politica sia un rapporto importante, perché hanno una grande intelligenza, nel senso etimologico del termine, sanno leggere dentro, in profondità le situazioni, hanno molto anche senso concreto… e noi ci siamo avvalsi anche del lavoro e dell’apporto delle nostre parlamentari. Vorrei dire che anche per quanto riguarda il nostro programma abbiamo tenuto conto anche delle esigenze della loro categoria, perché abbiamo introdotto tutta una serie di provvedimenti assolutamente positivi [segue elenco: nda]".

Pubblicato il 1/4/2006 alle 10.45 nella rubrica Politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web